GLENN COOPER – La biblioteca dei morti // Recensione

image

Uno dei romanzi meglio congegnati che mi sia capitato di leggere.
Corriere della sera.

A New York un serial killer semina morte e terrore. Le vittime non si conoscono, non hanno niente in comune…
Eppure un mistero lontano nel tempo e nello spazio collega i loro nomi. Nel deserto del Nevada, nel laboratorio governativo più misterioso del mondo, in una stanza a dodici piani di profondita, c’è un archivio, una Biblioteca cui hanno accesso pochissime persone al mondo.
L’autore di quella monumentale opera, Octavius, era il settimo figlio di un settimo figlio, nato a Vectis, una piccola isola della Britannia, il 7 luglio del 777.
Un ragazzo dotato di un potere misterioso che conduceva la sua mano sulla pergamena, facendogli compilare un lungo elenco di nomi e di date.

L’unica cosa che collega gli omicidi di New York è il fatto che le vittime, prima di morire, abbiano ricevuto una cartolina con segnata la data del loro decesso e con il disegno di una bara. Per questo l’assassino viene chiamato Doomsday.
Questo libro ti prende davvero, ti fa compiere un viaggio al di là della realtà e non ti fa capire nulla fino all’ultima pagina.
Quale mistero si nasconde dietro gli omicidi di New York? Chi è l’assassino? E come si ricollega tutta la storia ad Octavius, il settimo figlio di un settimo figlio?
Piccolo spoiler: sarete tutti sconvolti quando scoprirete che Doomsday non esiste, o almeno, non ha ucciso nessuno.

Annunci

2 pensieri su “GLENN COOPER – La biblioteca dei morti // Recensione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...