Noi siamo grandi come la vita – Ava Dellaira // Recensione di una piccola perla

image

Tutto inizia con un compito in classe: “Scrivi una lettera a qualcuno che non c’è più”. Per Laurel sono i primi giorni in una nuova scuola e si sente trepidante, spaventata, e vuota: quel vuoto si chiama May, come la sorella che se n’è andata silenziosamente, lasciandole tanto dolore.
Laurel decide di scrivere a Kurt Cobain, il cantante preferito di May, ma dopo quella prima lettera, che non consegnerà mai, ne seguiranno altre a persone che sua sorella amava (tra i tanti destinatari Amy Winehouse, Heath Ledger, River Phoenix) e che, come May, sono scomparse troppo presto.
“I morti” sono persone che possono ascoltare ciò che Laurel ha da raccontare, ad esempio cosa vuol dire avere quindici anni, il primo anno di liceo, l’emozione di incrociare lo sguardo di un ragazzo che afferra i tuoi occhi con i suoi e non li lascia andare. Solo loro possono aiutarla a comprendere una verità che non ha mai osato affrontare.

La protagonista finalmente imparerà ad amarsi e troverà il coraggio di andare avanti perché la vita è lì, davanti a lei, e per quanto possa fare paura non c’è emozione più grande di sentire il suo battito.

Una piccola perla, come ho scritto nel titolo, è la descrizione più appropriata per questo libro. Dalla prima pagina ti trasporta in un mondo straziante ed imperfetto… proprio come la vita.
Il linguaggio scorrevole, la bravura di questa scrittrice esordiente, tutto il contenuto della storia e gli eventi sono gli elementi che fanno amare il libro e che spingono a divorare le parole, pagina dopo pagina.
Laurel è una tipica adolescente ma ha dovuto affrontare la morte di sua sorella e questo l’ha segnata, l’ha cambiata. Se mette i vestiti di May si sente meglio e più sicura, soprattutto quando conosce Sky, un ragazzo che ricorda a Laurel tutto quello che c’è dietro i piccoli gesti, anche automatici… come respirare.
Sky respira la sua stessa aria, May la respirava, i personaggi a cui scrive le sue lettere la respiravano.
Sono tutte persone morte troppo presto, forse perché non riuscivano ad accontentarsi di una vita normale e cadevano nella tentazione della droga, forse perché erano tormentate… come May.
May aveva un paio di ali e Laurel le ha guardate, forse per questo si sono spezzate.

Voto: 10
Leggetelo!

Annunci

Una risposta a "Noi siamo grandi come la vita – Ava Dellaira // Recensione di una piccola perla"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...