Recensione: Le streghe di Swan River – Mary Stewart Atwell

_le-streghe-di-swan-river-1372645554

Trama

Contadini, ricchi villeggianti, ragazze per bene, hippie ingrigiti e perdenti d’ogni risma: c’è posto per tutti a Swan River, un pezzo d’America sperduto e un po’ selvatico nel cuore degli Appalachi, sede di un’esclusiva scuola per fanciulle e di un’antica comune ormai in rovina. È in questo luogo per metà idilliaco e per metà infernale che vive Kate Riordan. A sedici anni, Kate ha paura di una cosa sola: diventare un giorno uguale a sua madre. Troppo distratta per occuparsi delle figlie, troppo stanca per contemplare un futuro qualunque. Ma quando una serie di episodi violenti funesta la cittadina, l’antica leggenda delle “ragazze selvagge” riaffiora, e tra le compagne del collegio dove Kate studia insieme all’amica Willow si diffonde il terrore di un contagio tanto misterioso quanto ineluttabile. Prima che sia troppo tardi, Kate dovrà provare a salvare se stessa e il ragazzo che ama dalla follia distruttrice che divampa tutto intorno. E scoprire chi è veramente.

Recensione

I reminders mi stanno conquistando, ultimamente. Mi riferisco soprattutto ai fantasy che ho recensito in questi ultimi due mesi, perché sono state davvero delle storie bellissime.
Ci sono stati dei libri che mi sono piaciuti più di altri, ovviamente, ma quasi tutti sono stati delle piacevoli sorprese.

Con “Le streghe di Swan River” entriamo in una storia di tradizioni cittadine e strani misteri, nella vita di un’adolescente che ha paura di diventare una “ragazza selvaggia” e di uccidere qualcuno.

Questo succede a Swan River: le ragazze, misteriosamente, si divertono a dare fuoco alle cose, a pugnalare le persone ed a volare fuori dalle finestre.

Kate, però, è diversa. Lo dicono tutti. Perché allora lei non si sente diversa? Perché continua ad avere paura? Forse perché le “ragazze selvagge” sono molto più vicine di quanto pensi, forse perché sua sorella per prima è stata una di loro.

Mi è piaciuta molto la storia, l’ho trovata davvero innovativa. Ci si concentra parecchio sulla psicologia dei personaggi e alla fine del libro sappiamo bene il perché di ogni scelta compiuta e di ogni amicizia finita.

Non voglio dare troppi dettagli, ma se cercate dei fantasy autoconclusivi in un mare di saghe, questo è uno di quelli che dovreste tenere in considerazione.

Voto: 8 e mezzo

Annunci

3 thoughts on “Recensione: Le streghe di Swan River – Mary Stewart Atwell

  1. Non conoscevo questo libro, ma sono contenta di averlo conosciuto in quanto le storie di streghe mi affascinano molto. Ne approfitto per consigliarti, se ancora non lo hai letto, “L’ora delle streghe” di Anne Rice. È il primo di una trilogia, gli altri due li ho trovati meno belli del primo, ma ti consiglio assolutamente questa trilogia. Molto affascinante e molto molto originale, ma ti avverto, vengono affrontate delle tematiche che potrebbero non piacerti.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...