Recensione: La lettrice – Traci Chee

la-lettrice_8078_x1000

Trama

Una terra dove i libri sono banditi
Una ragazza che non smette di lottare

Sefia sa cosa significa dover sopravvivere. Dopo che il padre è stato brutalmente ucciso, è fuggita con la misteriosa zia Nin, che le ha insegnato a cacciare, seguire le impronte e rubare. Ma quando Nin viene rapita, Sefia rimane completamente sola. L’unico indizio che può aiutarla a ritrovare Nin è uno strano oggetto rettangolare che il padre ha gelosamente custodito fino al giorno della sua morte. Un manufatto mai visto prima, di cui nessuno le aveva mai parlato, perché nel mondo in cui è nata e cresciuta la lettura è un’attività proibita. Con l’aiuto di questo libro e di un ragazzo che nasconde oscuri segreti, Sefia cercherà di salvare la zia Nin e scoprire che cosa sia realmente accaduto il giorno in cui suo padre è stato ucciso. Con un meraviglioso alternarsi di storie di pirati, duelli di cappa e spada e assassini spietati, La lettrice è un’avventura raccontata in modo magistrale da uno straordinario nuovo talento.

Recensione

Lo segno come finito, ma in realtà l’ho abbandonato a metà.
Che sofferenza!
Come recensione farò un elenco dei tremila lati negativi di questo libro.
Prima di tutto penso che fantasy okay, ma c’è bisogno di essere così “pesanti” nella narrazione? Già dalla prima pagina mi veniva la sonnolenza e non lo dico per cattiveria.
Penso che ci siano tipi di scrittura che sono capaci di attrarre i lettori come delle calamite, e tipi di scrittura che, semplicemente, non ci riescono.
Traci Chee secondo me fa parte della seconda categoria di autori, di quelli che sono troppo descrittivi e nello stesso tempo non descrivono un bel niente.
Vi spiego questa frase che ho appena scritto: a pagina 150, più o meno, io ancora della storia non avevo capito niente. Vi sembra normale?
Sarò bacata io, può essere, ma mi sono confrontata con tre ragazze e non penso che siamo tutte decerebrate.
Seconda cosa di cui vi parlo sono i personaggi: sono privi di personalità evidenti, molto introversi e se ne stanno parecchio per i fatti loro. Quasi non lasciano trapelare emozioni e quindi non ne trasmettono neanche a noi. Inoltre, il problema più grande sorge quando una pagina sì e una pure appaiono nuove persone, con ruoli che neanche riusciamo a definire e che non capiamo proprio, nonostante un impegno che levatevi tutti, che caspita centrano nella storia.
Insomma, già non scrivi da Dio, poi fai anche un mix di tremila personaggi e tremila storie diverse… cosa ti aspetti?
Io non sono riuscita ad orientarmi, non sono riuscita ad affezionarmi e ho abbandonato la nave.
Raramente abbandono un libro, perciò facciamoci tutti due domande.
Beati quelli a cui è piaciuto, perché almeno si sono risparmiati la mia sofferenza. Penso che tutto sia questione di gusti, quindi so che c’è qualcuno che lo ha adorato.

Senza voto, perché veramente non me la sento.

Advertisements

2 pensieri su “Recensione: La lettrice – Traci Chee

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...