Recensione: Cam Girl – Leah Reader

30295059

Trama

Vada Bergen è la pecora nera della famiglia, ed è anche al verde, quando decide di trasferirsi a migliaia di chilometri da casa per frequentare una scuola di specializzazione in belle arti. Con sé porta ciò che ama di più: la passione per la pittura e la sua migliore amica, Ellis Carraway, una persona speciale a cui la lega un sentimento struggente e totalizzante che va oltre l’amicizia. Sembra che niente sia in grado di separarle, finché un incidente d’auto cambia tutto. Vada ne esce profondamente segnata, sul piano emotivo e fisico: la sua promettente carriera artistica è interrotta sul nascere, ed Ellis si allontana, riluttante a parlare di quella notte. A Vada non resta più niente da perdere, e quando una giovane coppia di imprenditori le propone un lavoro come cam girl, lei accetta: deve semplicemente spogliarsi ogni sera per qualche ora davanti a una webcam, e le «mance» sono assicurate. Doveva essere solo una perversa fuga dalla realtà, la sua. Poi, però, con un cliente le cose si fanno serie.Blue è misterioso, seducente e interessato più alla vita che al corpo di Vada. La aiuta a guarire, e paga bene, ma la vuole tutta per sé: basta con gli spettacoli hot via webcam. Per Vada è una decisione facile, perché ha già cominciato a invaghirsi di lui, e più la situazione si fa bollente, più lei desidera l’uomo reale dietro la tastiera. Così un giorno gli chiede: Possiamo incontrarci? Blue accetta, ma a una condizione. E Vada si troverà costretta ad affrontare i fantasmi del passato e i segreti devastanti a cui cercava di sfuggire.

Recensione

Su questo libro devo dire due cose, di cui una positiva ed una negativa.
Parto dalla negativa: la protagonista diventa una cam girl.
Ovviamente non si poteva far niente per cambiare questa sua decisione, perché intorno a cosa ruota il romanzo? Però per me quella è una scelta non condivisa, una cosa che non farei mai e che quindi non comprendo a pieno.
Però Vada, la protagonista, ha il suo carattere, le sue decisioni sbagliate da prendere… quindi ecco che la cosa negativa ci porta alla cosa positiva.
La cosa positiva, appunto, sono i personaggi e i loro caratteri.
Credo che tutti, ognuno di loro, sia perfetto così com’è.
Non so come spiegarvelo bene, ma sono vivi e reali: li comprendi, li capisci, li ascolti e ci diventi anche amico.
Ad un certo punto indaghi con loro, soffri e sorridi con loro, li odi e li ami allo stesso tempo.
Purtroppo mi è partita una ship che poi non è quella che si realizza, ovvero tra Vada e Dane.
Vada è bisessuale e da un bel po’ sta con Ellis, una nerd che la ama come niente al mondo. Anche Vada ama Ellis come niente al mondo.
Il personaggio di Ellis però a me non piace semplicemente per un motivo: l’ho trovata un po’ petulante, a volte troppo ossessionata dalla definizione delle cose. Voleva essere per forza etichettata come compagna, voleva che Vada dicesse a tutti il suo orientamento sessuale e ho perso il conto delle varie costrizioni che vuole imporre a questa ragazza.
Ma io dico… Vada sarà anche libera di fare quello che vuole? C’è bisogno di essere così morbosi.
La relazione tra Vada e Dane, invece, non va oltre un bacio ma è molto di più. Lei lo abbraccia quando lo rivede dopo tanto tempo, come se le fosse mancata l’aria, ci scherza, si stuzzicano entrambi.
Uno lo specchio dell’altra.
Questo libro davvero si salva per i personaggi, a me è piaciuto per questo.

Voto: 7

Se avessi dovuto valutare solo i personaggi avrei dato un voto 10, perché sono davvero UNICI.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...