Intervista a Sarah Bianca, autrice del successo “Feline”.

Vi ricordate la mia recensione di “Feline“? No? Allora seguite questo link.
Se invece sapete già di cosa sto parlando e magari avete anche letto il meraviglioso libro, vi farà sicuramente piacere leggere oggi la mia intervista all’autrice Sarah Bianca.

14523177_1163030980431651_4668778726133479528_n

(copertina del libro)


L’autrice

Sarah Bianca è una giovane scrittrice romana. Vive con tre gatti, un cane e possiede un numero imprecisato di libri fantasy. Nelle notti di luna piena si diletta a danzare con le Naiadi. Gestisce un’omonima pagina su Facebook dove ogni settimana pubblica storie che appassionano e incantano i suoi lettori. Già pubblicato con grande successo in ebook, Feline è il suo primo romanzo.


L’intervista

Dicci di te: chi è Sarah Bianca?

Chi sono? Una sognatrice e una lettrice ossessivo compulsiva.

Quale genere di libri preferisci leggere? Della serie “dimmi cosa leggi e ti dirò chi sei”.

Dipende dal momento e dall’umore, ma in generale leggo quasi di tutto tranne la saggistica politica o di società e costume.

Sei una scrittrice: cosa hai provato quando hai terminato la tua prima storia? La prima in assoluto, magari anche una che non ha mai letto nessuno.

Terminare la prima storia è come far andare un pezzo di te stessa al suo posto e per quello che mi riguarda, più scrivo e più mi completo.

Cosa ti ispira mentre scrivi? C’è un posto particolare, un oggetto o della musica?

L’ispirazione per tutto quello che scrivo nasce per caso, in momenti diversi della giornata, non seguo un filo di pensieri o un ragionamento perché le mie “idee” nascono sotto forma di immagini. Io vedo delle scene davanti a me, come fossi in una stanza fatta di ologrammi dove posso muovermi per guardare più da vicino e capire meglio quello che la mente mi mostra. Se un’immagine è veramente bella e potente ne scrivo, altrimenti passo a quella successiva.

Il tuo libro “Feline” sta letteralmente spopolando, infatti hai moltissime recensioni positive (tutte meritate). Come ti senti al riguardo? Che sensazione si prova ad accorgersi di aver scritto qualcosa che ha smosso i sentimenti delle persone?

Incredulità e gratitudine. Durante la mia prima presentazione, una ragazza mi si è avvicinata e mi ha chiesto se poteva abbracciarmi, aveva fatto due ore di treno per venire a sentirmi, per incontrarmi e io non riuscivo a credere che lo avesse fatto per me. Non riuscivo a credere che avessi significato così tanto per qualcuno, che fossi riuscita a smuovere delle corde interiori con così tanta forza da spingere qualcuno a viaggiare solo per potermi stringere una volta e ricevere il mio autografo sul libro. Ogni volta che qualcuno mi dice o scrive per dirmi che ha amato una delle mie storie o Feline, mi rendo conto di quanto il rapporto lettore-scrittore sia intenso, io ti dedico parte di me stessa perché tu possa intraprendere con me un viaggio e tu prendi la mia mano con fiducia e mi offri il tuo tempo, affiché questo viaggio possa avere inizio.

Ti seguo sui Social Network e so che sei pazza di Uriel. Immagina di vedere, un giorno, un adattamento cinematografico del tuo libro: che attore vorresti per interpretare lui?

Uriel è semplicemente meraviglioso e non vedo come si potrebbe resistergli! Per quanto riguarda il cast, invece, ti darò la stessa risposta che ho dato ogni volta che mi è stato chiesto di immaginarne uno: niente cast! È diritto e dovere del lettore immaginare i personaggi come desidera, appropriarsene e farli suoi mentre la storia prosegue. Come io immagino il loro aspetto non è importante, è importante come li immagini tu e come il tuo immaginarli ti fa sentire nei loro riguardi. Non so se mai un giorno Feline diventerà un film, ma anche allora l’unica cosa che mi importerà sarà che non ne stravolgano la trama, di attori bellissimi è pieno il mondo, di film tratti da libri che siano abbastanza fedeli all’originale, no.

Non ci sono “vittime” nel tuo libro: tutti reagiscono, prendono il controllo e assumono posizioni dominanti. Anche tu sei così nella vita? Sei una combattente?

Non credo che tutti assumano posizioni dominanti, ma tutti cercano di trovare un modo per sopravvivere a quello che capita loro, che poi è quello che facciamo nella vita di tutti i giorni. Io sono una combattente, chi mi conosce lo sa, cado e mi rialzo e non mi arrendo mai.

Ti ringrazio per avermi permesso di intervistarti. Saluta i lettori di “Cioccolato&Libri” con la tua frase preferita di “Feline”.

Grazie a te per avermi voluta intervistare egrazie a voi per avermi letta fino a qui.

“Se mi importasse qualcosa di quello che pensano gli altri, a questo punto avrei così tanti complessi sul mio aspetto fisico da correre a nascondermi in casa per non uscirne mai più. Solo che a me non importa, il valore di una persona non si misura nei centimetri del suo girovita o dai muscoli che può sfoggiare. Ci vuole cervello e ci vuole cuore per affrontare la vita.” Dara, Feline.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...