Blogtour “Da Domani mi alzo presto” – Simona Toma: I buoni propositi #Parte1 e la mia recensione

E #DaDomani… che succede?

Buongiorno readers,
oggi vi presento la prima tappa del Blogtour dedicato a “Da domani mi alzo presto” di Simona Toma, per farvi conoscere un romanzo che a me personalmente ha dato tanto da pensare.
Spero che vi piacerà seguire tutte le tappe del tour e che alla fine sarete curiosi di scoprire di più sulla storia di Michela! 🙂


Il libro

236978882006HIG_9_227X349_exact (1)«Milano era per me quell’attimo beato e irripetibile nella vita in cui si spalanca davanti a te tutta la meraviglia del mondo… E poi, all’improvviso, mi sono ritrovata depressa in pigiama e spalmata sul divano dei miei.»

Michela ha fatto il grande salto. Dalla sua Piccola Città del Sud è arrivata a Milano piena di entusiasmo e aspettative. L’ha amata da subito e, quando ha trovato impiego in una famosa agenzia pubblicitaria e anche un fidanzato, ha pensato che tutto quello che voleva era esattamente lì e in quel momento. Peccato che ora, dopo nove anni di vita nella metropoli, le tocchi fare ritorno al paesello, senza lavoro e senza fidanzato. A trentasei anni, quasi trentasette, è comprensibile che non l’abbia presa bene. E che si trascini dal letto al divano di casa dei suoi, fumando una sigaretta dietro l’altra e nutrendosi solo di Lexotan, non fa pensare che possa riprendersi in fretta dalla batosta. Per fortuna però ci sono l’inarrestabile cugina Giulia – l’unica in famiglia con uno stipendio fisso, quello che le passa l’ex marito – e una bimbetta di dieci anni sbucata un giorno sul pianerottolo. Sguardo vispo e parlantina sciolta, ma un fardello troppo grande per la sua età, Aurora vive sola con il papà, un bell’uomo schivo e dai modi un po’ formali. Sarà lei a riscuotere Michela dal suo torpore e, con la saggezza dei dieci anni, a farle capire che la vita ti regala di continuo nuove occasioni. Basta saperle cogliere.


La mia recensione

Quando la tua vita sembra cadere a pezzi, attimo dopo attimo e tragedia dopo tragedia, puoi salvarti da sola o puoi farti salvare da cuori puri e generosi.
È questo il caso della protagonista di “Da domani mi alzo presto”, Michela, che si lascia corrompere dalla gioia della sua vicina di casa Aurora, una bambina con grandi occhiali viola ed il sorriso sempre sulle labbra.
Michela ha perso il suo lavoro ed il suo fidanzato nello stesso giorno, è tornata a casa dei suoi genitori e vive in uno stato di depressione. Quando si entra nel tunnel che ti fa pensare che nulla ha più senso, che non sarai mai più felice e che il mondo si sia accanito contro di te, ci sono poche cose che possono tirarti su.
Aurora prende appunti nel suo quaderno e per i suoi occhi da bambina la soluzione è semplice: perché Michela, semplicemente, non trova un nuovo lavoro ed un nuovo fidanzato?
Questo libro mi ha fatto davvero pensare a quanto nella vita a volte ci troviamo davanti ad una scala ed i gradini ci sembrano più alti di quello che sono davvero, forse perché li stiamo guardando da una brutta prospettiva.
Anche io, come Michela, vedo tutto nero, ma spero un giorno di riuscire a superare tutti i miei limiti inesistenti e costruiti dal mio cervello e di salvarmi, da sola.

4 stelline.


#DaDomani… I buoni propositi parte prima

Quale miglior modo di salvarmi da sola, se non quello di scrivere una lista dei miei buoni propositi e di obbligarmi a seguirla ogni giorno?
Da brava ragazza sofferente di ansia ed attacchi di panico quale sono, solo scrivere tutto ciò che mi piacerebbe fare o cambiare nella mia vita mi fa sentire un po’ meglio e ogni volta che metto una spunta tutto diventa migliore.

La lista dei buoni propositi di Serena:

  1. #DaDomani pedalare sulla cyclette almeno quindici minuti ogni mattina;
  2. #DaDomani leggere almeno cento pagine di un libro al giorno;
  3. #DaDomani limitare le spese pazze, spendere di meno e guadagnare di più;
  4. #DaDomani cercare un lavoro degno di questo nome;
  5. #DaDomani smettere di mangiare le unghie;
  6. #DaDomani riordinare i vestiti nell’armadio;
  7. #DaDomani capire che le lamentele non contribuiscono al raggiungimento di un obiettivo;
  8. #DaDomani accettarsi per come si è, niente di più e mai di meno;
  9. #DaDomani evitare di mangiare dolci;
  10. #DaDomani imparare a creare linee di eyeliner identiche su entrambi gli occhi.

E i vostri buoni propositi quali sono?
Intanto l’1 giugno potete leggere quelli di Cristina sul blog leggereinsilenzio.blogspot.it.
Potete continuare a seguire tutte le tappe nelle date che trovate in questo calendario!

unnamed

Un bacio a tutti e andate a comprare il libro! 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...