Recensione: Lizzie – Shirley Jackson

lizzie

Trama

Opera della maestra del thriller nero, venerata da Stephen King, Lizzie è il primo grande romanzo delle personalità multiple. La protagonista, Elizabeth Richmond, ventitré anni, i tratti insieme eleganti e a­nonimi di una «vera gentildonna» della provincia americana, non sembra avere altri progetti che quello di aspettare «la propria dipartita stando il meno male possibile». Sotto un’ingannevole tranquillità, infatti, si agita in lei un disagio allarmante che si traduce in ricorrenti emicranie, vertigini e strane amnesie. Un disagio a lungo senza nome, finché un medico geniale e ostinato, il dottor Wright, dopo aver sottoposto la giovane a lunghe sedute ipnotiche, rivelerà la presenza di tre personali­­tà sovrapposte e conflittuali: oltre alla stessa Elizabeth, l’amabile e socievole Beth e il suo negativo fotografico Betsy, «maschera crudele e deforme» che vorrebbe fagocita­re e distruggere – con il suo «sorriso laido e grossolano» e i suoi modi sadici, insolenti e volgari – le altre due. È solo l’inizio di un inabissamento che assomiglierà, più a che un percorso clinico coronato da un successo terapeutico, a una discesa amorale e spietata nelle battaglie angosciose di un Io diviso, apparentemente impossibile da ricomporre: tanto che il dottor Wright sentirà scosse le fondamenta non solo della sua dottrina, ma della sua stessa visione del rapporto tra l’identità e la realtà.


Recensione

Quando un libro promette un viaggio nella mente umana e personalità multiple, esponendo in copertina il nome di Shirley Jackson… io proprio non sono riuscita a resistere a questa combinazione, perciò eccomi qua.
Ho letto questo libro carica di aspettative che, devo proprio dirlo, non sono state affatto deluse.
Lizzie è la protagonista di questo libro e all’interno della sua mente vivono altre protagoniste. Lizzie, Elizabeth, Beth, Betsy, Bess: tutte nello stesso corpo, ma incapaci di convivere.
Più si torna indietro nel tempo nelle ambientazioni di storie di questo tipo, più risulta chiaro quanto fosse complicato – e allo stesso tempo molto affascinante – per uno studioso della mente riuscire a inquadrare le personalità multiple.
Possiamo solo immaginare come dev’essere stato avere a che fare con il primo caso in assoluto e scoprire di non avere la minima idea di come affrontare la situazione.
Leggere questo libro mi ha davvero coinvolta mentalmente e ho potuto capire quanto brava sia Shirley Jackson a raccontare storie da brivido.
Mi è piaciuto davvero molto.

4 STELLINE E MEZZO☆

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...