Recensione: “Quattro secondi per perderti” (Ten Tiny Breaths, #3) – K. A. Tucker

quattro secondi per perderti

Trama

Cain ha ventinove anni e gestisce il suo strip club, l’unico locale in città in cui non gira droga e le ragazze non si prostituiscono. Lui cerca anzi di proteggerle come può, senza tuttavia farsi mai coinvolgere personalmente. La regola numero uno per Cain è tenere gli affari di cuore, e di letto, fuori dal Penny’s. Ma quando la bionda Charlie Rourke entra nel suo ufficio per un colloquio di lavoro, le cose si complicano… La giovane Charlie è fatalmente attratta dal suo capo tenebroso, anche se qualcosa di molto più grande di lei richiede la sua attenzione e non c’è tempo per le storie d’amore: travestimenti, appuntamenti segreti, viscidi trafficanti di droga e un passato avvolto nel mistero sono il pane quotidiano della bella spogliarellista.
Un incontro ravvicinato bollente e inatteso cambia le cose per tutti e due, ormai travolti dalla passione. Ed è proprio per proteggere il suo grande amore che Charlie dovrà fuggire lontano, lontano da lui…


Recensione

No. “Quattro secondi per perderti” è decisamente un no.
Rispetto ai primi romanzi della serie, trovo che questo sia decisamente sottotono.
Okay, stiamo parlando di new adult e quindi gli argomenti su per giù sono sempre gli stessi, però in questo romanzo non mi sono piaciuti affatto i protagonisti principali. Alla lettura di questo terzo volume della serie di “Dieci piccoli respiri” mi sembra che K. A. Tucker cerchi in tutti i modi delle tragedie da attribuire alle sue creature letterarie, facendo risultare tutto l’insieme della storia molto forzato. I personaggi dei vari libri sono sempre collegati tra loro in qualche modo ed è un piacere rivedere vecchie conoscenze, il problema infatti è che non mi sono piaciute le nuove!
Non ho provato nessun sentimento di empatia nei confronti di Charlie o Cain, anzi mi hanno annoiata a morte.
Spero fortemente che l’ultimo volume della serie sia migliore e che riesca ad eguagliare “Dieci piccoli respiri” o “Prima di incontrarti”, storie ad ora sono le mie preferite.

 2 STELLINE☆

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...