Recensione: La musa degli incubi – Laini Taylor (Strange the dreamer, #2)

musa degli incubi

Trama

(Contiene spoiler sul primo romanzo della serie)

La peggiore paura degli abitanti di Pianto si è concretizzata: nella minacciosa fortezza di mesarzio i figli degli dèi sono ancora vivi. Sarai è diventata un fantasma, mentre il Sognatore ha appena scoperto di essere lui stesso un dio dalla pelle blu, l’unico capace di fronteggiare l’oscura Minya, animata dall’implacabile desiderio di vendetta nei confronti degli umani che massacrarono la sua gente. Lazlo si troverà di fronte alla più impensabile delle scelte: salvare la donna che ama oppure tutti gli altri. Ma inquietanti misteri dimenticati chiedono di essere risolti: da dove sono arrivati, veramente, i Mesarthim, e cosa ne è stato di tutti i bambini nati nella fortezza durante il dominio di Skathis? Quando i portali dimenticati si apriranno di nuovo, mondi lontani diventeranno pericolosamente vicini e un inatteso, potente nemico arriverà deciso a spazzare via le fragili speranze di tutti, dèi e umani. Sarai, la Musa degli Incubi, conoscitrice di ogni genere di paura fin da quando aveva sei anni, sarà costretta ad affrontare orrori che neanche immaginava e ad andare oltre i suoi stessi limiti: l’esperienza le ha insegnato che l’odio e il terrore sono sentimenti facili da provocare. Ma come si fa a rovesciare l’odio, a disinnescare la vendetta? È possibile salvare i mostri, piuttosto che annientarli? In questo atteso seguito del bestseller Il Sognatore va in scena lo scontro tra distruzione e salvezza: La Musa degli Incubi conclude in modo epico l’acclamata dilogia di Laini Taylor.


Recensione

Finalmente “La musa degli Incubi”, secondo volume della serie di Laini Taylor cominciata con “Il sognatore”, è arrivato in Italia. Potevo non leggerlo, dopo aver amato la storia di Lazlo e Sarai? Assolutamente no.
In questo libro la storia ha un’evoluzione davvero inaspettata, includendo nuovi personaggi che si incastrano perfettamente ai veterani. Le vite di tutti saranno messe a dura prova e la lotta per la sopravvivenza non sarà facile per nessuno.
Una cosa che mi ha colpisto molto in questa duologia è sicuramente la mia incostanza nei sentimenti che ho provato per alcuni personaggi, soprattutto per Minya. Sin dal primo capitolo non sapevo se odiarla o amarla, ed è rimasto tutto così fino alla fine.
Sarai e Lazlo sono una coppia perfetta, da miele, roselline, cuoricini e vissero felici e contenti in ogni loro gesto. Fanno davvero venire voglia di condividere tutto con qualcuno.
Il mio personaggio preferito però rimarrà sempre Ruby, ha qualcosa in più e non so neanche io cos’è 😂.
Con uno stile di scrittura sempre impeccabile, evocativo e descrittivo al punto giusto, secondo me Laini Taylor ha creato una delle più belle serie fantasy degli ultimi anni (e sapete che quando lo dico io, che di solito con i fantasy sono sempre molto critica, potete fidarvi).

4 STELLINE☆

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...