Opinioni senza spoiler: Wolfsbane (Nightshade #2) – Andrea Cremer

Avete già visto come agisco quando devo parlare di seguiti di saghe che non mi sono stati mandati da nessuna casa editrice, perciò questo stile di post non sarà per voi una novità.
d21_wolfsbane-cremer-deagostini-280x425

Ho parlato del primo capitolo della saga qui –> Nightshade <– quindi tutto ciò che riguarda la trama iniziale si trova in quell’articolo.
Per questo romanzo, invece, non vi metterò la trama e non vi dirò cosa succede nella recensione personale: mi limiterò a parlarvi in linea generale di lati positivi e negativi, emozioni e differenze di scrittura dal primo romanzo.


Probabilmente penserete che io stia dicendo delle eresie – soprattutto se avete già letto Wolfsbane – ma mi dispiace appurare che questo secondo volume non ha niente a che vedere con il primo.

Mentre con Nightshade mi ero perdutamente innamorata di Calla e Ren insieme e ci eravamo tutti concentrati sulla forzatura della loro relazione, ecco che in questo libro ci viene strappato tutto via. Si da molto più spazio al personaggio di Shay, il “secondo innamorato” di Calla che io odio con tutta me stessa, e si mette completamente da parte Ren. Non lo vediamo mai, tranne che in una scena.
Lo devo dire… quell’unica scena è stata la mia preferita di tutto il libro.

Una cosa che ho notato è stata che nel primo libro c’era un romanzo con stampo young adult che ti prendeva e ti faceva arrivare all’ultima pagina con la voglia di sapere, di continuare a leggere, con l’amore per i personaggi vivo nel cuore. In Wolfsbane, invece, è tutto molto tecnico: ci si concentra moltissimo sulla “battaglia” e sugli scontri tra diverse specie.

Non è assolutamente un voto 9, come lo era stato invece il primo. Per questo volume do un 7 e mezzo.
Vi dico che continuerò la saga, perché ho già comprato il terzo perciò attende solo me, e vedrete la recensione anche di quello.
Le mie speranze per il seguito sono: più Ren, più Calla e Ren e MENO SHAY, VE PREGO.

HAUL & IN MY MAILBOX | GIUGNO 2016

Buongiorno lettori, oggi ho pensato di fare un bel post dove vi parlo di tutti i libri che sono entrati a far parte della mia libreria nel mese di Giugno. Molti di questi mi sono arrivati dalle case editrici, perciò saranno delle novità, mentre altri sono miei acquisti o regali.

Continuate a leggere per scoprire i titoli.

Continua a leggere

Recensione: The Program – Suzanne Young

La serie distopica creata da Suzanne Young è una duologia composta da:

  1. (The program #0.5) The Remedy (inedito in Italia)
  2. (The program #0.6) The Epidemic (inedito in Italia)
  3. (The program #1) The Program
  4. (The program #2) The Treatment
  5. (The program #2.5) The Recovery (edito in Italia solo in ebook)

Oggi parliamo di The Program.

the program

Titolo: The Program (The Program #1)
Autrice: Suzanne Young
Casa Editrice: De Agostini
Prezzo di copertina: 14,90€
Pagine: 448
Trama:

Sloane sa perfettamente che nessuno deve vederla piangere. La minima debolezza, o il più piccolo scatto di nervi, potrebbero costarle la vita. In un attimo si ritroverebbe internata nel Programma, la cura ideata dal governo per prevenire l’epidemia di suicidi che sta dilagando fra gli adolescenti di tutto il mondo. E una volta dentro, Sloane dovrebbe dire addio ai propri ricordi… Perché è questo che fa il Programma: ti guarisce dalla depressione, resettandoti la memoria. Annullandoti. Così, Sloane ha imparato a seppellire dentro di sé tutte le emozioni. Non vuole farsi notare, non ora che suo fratello è morto e lei è considerata un soggetto a rischio. L’unica persona che la conosce davvero è James, il ragazzo che ama più di se stessa. È stato lui ad aiutarla nei momenti difficili, lui a farle credere che ci fosse ancora speranza. Ma, quando anche James si ammala, Sloane capisce di non poter più sfuggire al Programma. E si prepara a lottare. Per difendere i propri ricordi, a qualunque costo.


 

In “The Program” il suicidio è una malattia. Essa si diffonde soprattutto tra gli adolescenti, così qualcuno ha pensato bene di trovare la cura: cancellare la memoria dei “malati”, prima che possano uccidersi.
Cancellare i ricordi brutti per far tornare la felicità nei ragazzi potrebbe anche essere un’idea avuta con la migliore delle intenzioni, dagli ideatori del programma, ma non lo è quando anche un pianto nostalgico può farti segnalare ed internare.
A questi ragazzi non è concessa neanche la minima debolezza.
Questo, purtroppo, non è possibile: non si può cancellare la tristezza dalla nostra esistenza. Essa fa parte di tutti noi, perciò il programma, evidentemente, ha dei punti deboli.
Sloane, James, Miller, Lacey e Brady sono i ragazzi che conosciamo di più in questo libro.
Brady si suicida prima dell’inizio della storia, è il fratello di Sloane e migliore amico di James.
Lacey è stata internata ed è finalmente tornata, ma non si ricorda di nessuno di loro.
Miller era il fidanzato di Lacey e non sopporta di vederla mentre non si ricorda neanche chi è, non sopporta neanche l’idea di essere internato solo perché sente la mancanza di qualcuno.
Sloane e James si sono sempre fatti forza a vicenda ma, pian piano, cominciano a crollare anche loro, vedendo le persone che amano sparire dalle loro vite.

Arrivano a chiedersi se non sia proprio l’esistenza del programma a spingerli a suicidarsi, perché se quando sei triste vieni internato, e tutti i tuoi ricordi vengono cancellati, forse è meglio morire.

Ma James e Sloane non sono come gli altri, loro non vogliono essere cancellati. Quando vengono, inevitabilmente, internati combattono con tutte le loro forza per salvare anche solo un ricordo.
Contro il sistema e contro il mondo, perché la vera malattia, forse, non è tanto il suicidio quanto il programma stesso.

Un romanzo intenso, pieno di emozioni che ci fa capire quanto, a volte, la tristezza non sia tanto una debolezza quanto una forza. Sloane e James combatteranno per le cose che hanno ancora ed anche per quelle che non hanno più.

Non vedo l’ora di leggere il secondo volume della duologia.

Voto: 10

BOOK HAUL/IN MY MAILBOX GENNAIO 2016

Buongiorno, ecco qui il mio book haul / In my mailbox del mese di gennaio 2016…

In my mailbox ( grazie alle Case Editrici)

Ebook:

81TuT9S91ML-tile

La bambina numero otto – Kim van Alkemade. BOOKME.
Le avventure di Jacques Papier – Michelle Cuevas. DeAgostini.
Everneath – Brodi Ashton. DeAgostini.
Ho voglia di innamorarmi – Cassandra Rocca. Newton Compton Editori.
Invisibile – Andrea Cremer, David Levithan. Newton Compton Editori.
La libreria dei sogni che si avverano – Christel Noir. Corbaccio.

Cartacei:

La verità su di noi-tile

La verità su di noi – Kristan Higgins. Harper Collins Italia. Dal 9/02 in libreria.
La libreria dei desideri – Claire Ashby. Newton Compton Editori. Dal 4/02 in libreria.
Lieve come un respiro – Jennifer L. Armentrout. Harper Collins Italia. Dal 9/02 in libreria.
Nonostante tutto ti amo ancora – Samantha Towle. Newton Compton Editori.
Il patto – Jodi Picoult. Harper Collins Italia.

In my mailbox ( grazie agli autori)

Ebook:

41F+pscxzeL._SX326_BO1,204,203,200_

La regola dell’eccesso – Susanna De Ciechi, Renato Tormenta

 

Regalo

museumguide

A tu per tu con Vincent Van Gogh, Van Gogh Museum Amsterdam

 

Acquisti online

Cartacei:

_LaCasaperbambinispecialidiMissPeregrine_1320444533-tile

La casa per bambini speciali di Miss Peregrine – Ransom Riggs. Rizzoli Romanzo.
Sette minuti dopo la mezzanotte – Patrick Ness, Siobhan Dowd. Mondadori.
L’isola degli sperduti – Melissa De La Cruz. Giunti.
Quella vita che ci manca – Valentina D’Urbano. Tea.
Piccoli imprevisti tra amiche – Frances Whiting. Mondadori.
Una presenza in quella casa – Paige Mckenzie. Giunti.

 

Recensione: Invisibile – Andrea Cremer, David Levithan

invisibile_7344_x600 (1)

Una magica storia d’amore

Dagli autori bestseller del «New York Times»

Stephen è abituato a non essere notato. È nato così. Invisibile. A causa di una maledizione. Elizabeth ha desiderato spesso di essere invisibile. Se la gente non ti vede, nessuno può ferirti. Quando i due si incontrano però, qualcosa cambia per sempre nelle loro vite. Stephen si accorge con stupore che Elizabeth riesce a vederlo, e la ragazza si rende conto che desidera essere vista da Stephen, che non ha paura di mostrarsi a lui. Cosa sta succedendo? Da dove ha origine la maledizione che pesa sulla famiglia di Stephen? All’improvviso i ragazzi si ritrovano catapultati in un mondo segreto popolato da maghi e stregoni, di fronte a una scelta difficile, che mette in gioco il loro amore e le loro vite.


Con questo libro ho attraversato quattro fasi:

Fase uno:
“Ma è una storia sugli amici immaginari? Ne ho già lette mille, se è sugli amici immaginari sclero”.
Fase due:
“Okay, non è un libro sugli amici immaginari ma lui è comunque invisibile al mondo. Ho davanti a me un fantasy.”
Fase tre:
“Parlano di Harry Potter e adesso si scopre che in questo libro centrano i maghi?!”
Fase quattro:
“Ma ‘sta povera ragazza che nella vita sua già c’aveva problemi… proprio davanti alla casa del tizio invisibile che può vedere solo lei si doveva trasferire? Ti do una pacca sulla spalla, Elizabeth.”

Adesso, mettendo da parte le mie fasi che sono una chiara conseguenza del leggere libri senza vedere prima le trame, vi posso parlare del libro un po’ più nel dettaglio (sempre stando attenta a non spoilerare nulla).

Stephen è invisibile, è nato così, non l’ha mai visto nessuno. La madre ha “assunto” un’ostetrica che fosse psicologicamente preparata al fatto che dalla sua pancia sarebbe uscito un bambino non visibile. Il fatto che sia invisibile non lo rende non tangibile, infatti può essere toccato. Se ti avvicini senti che c’è una faccia umana.
Quando si veste i vestiti scompaiono.
Quando mangia il cibo scompare dentro di lui.
Perché Stephen è così? Dalla prima pagina ci è chiaro che si tratta di una maledizione.
Non ci viene però detto di che maledizione si tratta, chi l’ha lanciata, perché è stata lanciata e tutto il resto.
Elizabeth si trasferisce, con sua madre e suo fratello, nel palazzo di Stephen, sullo stesso pianerottolo. Quando lo incontra Stephen sta aspettando, vicino alla sua porta, che Elizabeth entri in casa (lui non può andarsene in giro ad aprire e chiudere porte come se niente fosse, è invisibile! ), lei lo vede, mentre raccoglie delle buste, e gli chiede che cos’ha da fissarla.
Qui Stephen si rende conto che qualcuno finalmente lo vedeeeeee e ovviamente comincerà a chiedersi il perché.
Questa è la storia di una ricerca della verità, di scoperte di mondi di maghi e incantesimi e di una storia d’amore che va oltre tutti gli ostacoli.
Di Andrea Cremer ho già letto il primo libro della saga Nightshade, recensito qui, mentre di Levithan sto aspettando di trovare il tempo per leggere Ogni giorno. Per chi conoscesse questi autori, la loro scrittura è molto carina, leggera ma profonda.
Questo non significa che non abbia trovato una piccola pecca nel libro.
La prima parte scorre, in due o tre minuti riuscivo a finire un capitolo; la seconda parte diventa leggermente più lenta, non so dire bene perché non mi abbia presa; l’ultima parte si riprende alla grande e ridiventa come la prima.
Questa netta differenza tra parti del libro mi ha destabilizzata: la trama era bellissima, la scrittura altrettanto… forse sono stati gli avvenimenti a non essere particolarmente interessanti verso metà libro?
Comunque non posso assolutamente dire che ve lo sconsiglio, anzi.
Per questo fantasy / young adult il mio voto è : 8-

Nightshade – Andrea Cremer // Recensione

Primo volume di una trilogia, parliamo di questo fantastico libro  

12088147_883448695072759_1607547669010880776_n

Trama:

Tutte le diciassettenni sognano di incontrare il vero amore. Tutte tranne Calla Tor. Nella sua testa c’è un solo costante pensiero: squarciare la gola dei suoi nemici. Calla è la femmina Alfa di una delle più potenti famiglie di Guardiani che vivono in America, creature magiche capaci di trasformarsi in lupi, e responsabili della protezione dei luoghi sacri. Ma Calla, destinata al maschio Alfa del branco vicino, sceglierà una strada diversa, semplicemente salvando un escursionista, un ragazzo della sua stessa età ferito da un orso. Da quel momento niente sarà più come prima, perché Shay – l’irresistibile umano – custodisce un segreto che potrebbe cambiare le sorti del mondo e far vacillare il cuore saldo di Calla.

Autore: Andrea Cremer
Titolo: Nightshade
Pagine: 461
Editore: DeAgostini
Prezzo: 16,90€


Ho comprato Nightshade nell’aprile del 2014 e soltanto adesso, un anno e mezzo dopo, mi sono decisa a leggerlo. Quello che mi frenava era il fatto che stiamo parlando dell’inizio di una trilogia, ma ho superato la paura e mi sono buttata.

Questo libro è spettacolare.
E’ scritto benissimo, ha un triangolo amoroso appassionante ed una protagonista coraggiosa. Calla è un po’ volubile, questo sì, ma si comporta da femmina alfa e sa comandare.
L’intera storia parte con l’obbligo di unione di due branchi, e quindi con il matrimonio combinato di Calla e Ren, ma quando un umano, Shay, arriverà in città le cose si complicheranno. Non parlo solo di attrazione tra Calla e Shay, ma anche di verità nascoste che verranno a galla, bugie svelate e problemi tra i branchi.
Il finale purtroppo lascia in sospeso, vuoi assolutamente sapere cosa succede nei seguiti e penso che sia una cosa normale, una super strategia di vendita… se così non fosse ci sarebbe da preoccuparsi!
In questo libro troviamo i guardiani (lupi), i custodi, gli umani, gli spettri, i succubi e gli incubi… Volete sapere chi sono e come entreranno nelle vostre vite? Leggete questo libro.
P.S. Io sono team Ren, se qualcun’altro di voi lo è dopo averlo conosciuto, mi faccia sapere nei commenti 🙂

Se solo potessi farlo e cristallizzare la mia vita in questo preciso istante! Se solo potessi rubare un po’ di tempo e avere un assaggio di ciò che mi è stato sempre proibito! Sarebbe davvero così sbagliato? Non rivedrò mai più questo straniero. Quali amare conseguenze potrebbero scaturire se rimanessi? Se lui continuasse a stringermi e io scoprissi che desidera toccarli nello stesso modo in cui desidero toccare lui?

Voto: 9