Due nuove uscite per Harlequin Mondadori: “Non sono io, sei tu” & “La piccola bottega dei sogni”

“Non sono io, sei tu” di Mhairi McFarlane

Non-sono-io-sei-tu_hm_cover_bigDelia Moss non è ben sicura di sapere dove ha sbagliato.
Quando ha chiesto al suo fidanzato Paul di sposarla e ha scoperto che lui andava a letto con un’altra, ha pensato che fosse colpa sua.
Quando ha realizzato che la vita non sarebbe più stata la stessa, ha pensato che fosse colpa sua.
Ma quando Paul si rifà vivo come se niente fosse accaduto, Delia inizia a pensare: “Forse non sono io il problema. Forse il problema sei tu.”
Da Newcastle a Londra e ritorno, tra lavori loschi, capi eccentrici e giornalisti belli ma noiosi, Delia deve scoprire cosa ne è stato della sua vita e che fare del suo futuro.

Potete prenotarlo e leggere un estratto qui.
Prezzo di copertina: 14,90€
Disponibile dal 27 ottobre 2015.
ISBN: 9788869050497


“La piccola bottega dei sogni” di Fiona Harper

La-piccola-bottega-dei-sogni_hm_cover_bigOrganizzatrice nata e romantica d.o.c., Nicole ha realizzato il lavoro dei suoi sogni quando ha fondato l’agenzia di proposte matrimoniali Sogni & Fantasie. Il suo lavoro la entusiasma profondamente, fino a quando non accetta di organizzare la proposta di nozze per il fotografo Alex Black da parte della sua fidanzata. Alex, infatti, altri non è che l’uomo che lei ha baciato ad una festa il Capodanno precedente  e che non è mai riuscita a dimenticare. Organizzare la dichiarazione da parte di un’altra non è esattamente l’occasione in cui aveva sperato di rivederlo. Ma se permettesse a se stessa di perdere la testa per il fascino di Alex, comprometterebbe la propria reputazione professionale prima ancora di poter dire di averne una. Che cosa può fare, vivere per sempre efficiente e infelice o disoccupata e contenta?

Potete prenotarlo e leggere un estratto qui.
Prezzo di copertina: 12,90€
Disponibile dal 13 ottobre 2015.
ISBN: 9788869050459

Da domani in libreria: “Talon” di Julie Kagawa

Talon (1)

TRAMA

Ci fu un tempo in cui i draghi furono cacciati fino quasi all’estinzione dai cavalieri dell’Ordine di San Giorgio. Da allora, nascosti sotto sembianze umane, i draghi di Talon sopravvissuti al massacro si sono moltiplicati e hanno acquisito maggiore forza e astuzia nel corso dei secoli: non manca molto a quando saranno pronti a diventare i padroni del mondo, senza che gli esseri umani nemmeno se lo immaginino. Ember e Dante Hill sono gli unici esemplari di draghi fratello e sorella, addestrati per infiltrarsi nella società degli uomini. Ember non vede l’ora di vivere come una teenager qualunque e godersi quell’unica estate di libertà che le sarà concessa, prima di ricoprire il ruolo a lei destinato dentro il regno di Talon. Ma l’Ordine è sulle loro tracce per terminare quanto non era stato fatto nel passato: annientarli tutti. Il cacciatore di draghi Garret Xavier Sebastian, però, non può uccidere, a meno che non sia sicuro di aver trovato la propria preda. E niente è certo quando si tratta di Ember Hill.

TITOLO: Talon
AUTORE: Julie Jagawa
EDITORE: Harlequin Mondadori
PAGINE: 480
PREZZO: 16,00 €
USCITA: 6 ottobre 2015
Disponibile anche in formato ebook.
Guarda il booktrailer:


Bellissimo. Ho iniziato questo libro credendo che mi sarei trovata davanti ad un Fantasy che non avrei capito profondamente, poi mi sono ricreduta. Già dalle prime parole la storia è completamente avvincente e ti tiene sulle spine, ti spinge a sfogliare le pagine una dopo l’altra e a finire la storia. Quando la finisci, poi, vuoi il seguito e tutto questo quindi si ritorce contro di me.
Sto male fisicamente e psicologicamente, voglio “Rogue” e per fortuna uscirà nei primi mesi del 2016, se tutto va bene.
Ember e Dante sono due draghi gemelli mandati in California per nascondersi, integrarsi tra gli umani e scoprire i loro punti deboli. Garret fa parte dell’Ordine di San Giorgio (cacciatori di draghi) e avrà il compito di stanare Ember, ma allo stesso tempo se ne innamorerà. Riley è un disertore di Talon che cerca di far passare dalla sua parte il maggior numero di draghi possibile e si troverà anche lui coinvolto da Ember.
Quindi? Triangolo? Certo!!
Un amore umano e uno animale, dettato dall’istinto. Quale sceglierà Ember? Ah… non sperate di scoprirlo in questo libro! Io personalmente faccio il tifo per Garret.
Per tutta la storia ho completamente dimenticato l’età dei protagonisti, un po’ mi sembrava di trovarmi davanti dei bambini di dieci anni (soprattutto nelle scene tra fratelli e tutori) e un po’ dei venticinquenni (quando uscivano fuori Garret e Riley).
Alla fine ci tengo a chiarire che l’età media è 16-17 per Ember, Dante e Garret e non si capisce Riley, ma penso una ventina.
Non lo so… è una storia bellissima, l’ho finita in un giorno e sarei una bastarda se non ve lo consigliassi… e siccome non lo sono vi dico: LEGGETE QUESTO LIBRO! ANDATELO A COMPRARE DOMANI!!!

Voto: 9 e mezzo ❤

P.S. Grazie Harlequin Mondadori per averlo spedito.

P.P.S. Vi invito, per favore, a mettere mi piace alla mia nuova pagina Facebook che aspetta solo voi… Lo so che avete tutti FB.
Ecco il link: https://www.facebook.com/cioccolatoelibri?fref=ts
In alternativa trovate il Widget al lato del blog. Bacioni!

Libri di sogni: FIREBIRD la caccia – Claudia Gray

Senza nome

Scoprite di più sulla collaborazione cliccando qui: LIBRI DI SOGNI.

CNark-7UAAAdGKQ

Titolo: FIREBIRD – La caccia
Autore: Claudia Gray
Casa editrice: Harlequin Mondadori
Pagine: 332
Prezzo: 16,00€

Trama:

Marguerite Caine è cresciuta respirando intorno a sé le teorie scientifiche più all’avanguardia. I suoi genitori, infatti, sono due famosi scienziati che sono riusciti a realizzare la macchina più stupefacente di tutti i tempi: il Firebird. Si tratta di un congegno che permette di viaggiare in dimensioni parallele, basandosi sulla teoria che esistono infiniti universi, che sono poi quelli delle possibilità. Ciò che non è stato in questo mondo si è certamente realizzato in uno degli altri.
Il padre di Marguerite, però, è misteriosamente scomparso. Sembra che a ucciderlo sia stato Paul, uno degli assistenti, che è poi fuggito impunito in un’altra dimensione, portando via con sé tutti i dati relativi al Firebird. Marguerite si lancia alla ricerca del padre e grazie a Theo, uno studente di fisica che l’aiuta nell’impresa, riesce a ingaggiare una caccia all’uomo pluri-dimensionale, tra una Londra del futuro, una Russia ai tempi dello Zar e un mondo sottomarino… Le vite sono mille. Mille le possibilità. Ma il destino è uno soltanto.


La recensione di Cioccolato e Libri:

Il libro parte in modo confuso: la storia è già iniziata e sembra quasi che questo non sia il primo libro di una serie, ma un seguito. Quando lo finisci pensi a quello che hai letto e ti rendi conto che il primo capitolo non sai dove inserirlo nella storia, in effetti penso che non si inserisca affatto!
Poi vai avanti e i personaggi diventano più chiari insieme alla storia, ti trovi nel bel mezzo di un fantasy degno di essere chiamato tale e muori dalla voglia di sapere chi è il “cattivo” di turno. C’è un triangolo amoroso già nelle prime pagine, tra Meg, Theo e Paul, e inevitabilmente ti trovi a fare il tifo un po’ per uno, un po’ per l’altro… ma sappiamo che alla fine potrà decidere solo Marguerite!
Tante dimensioni diverse si succedono, tanti percorsi, tante dimostrazioni di come sarebbe andata la vita con qualche decisione presa diversamente. Ogni volta che ti trovi a un bivio si crea una dimensione diversa.
Marguerite, Theo, Paul e qualcun altro si addentreranno in questo viaggio e porteranno con loro i lettori che saranno completamente persi nelle pagine.
Io non sono riuscita a staccarmi!
Il mio voto è 9♥ aspettando con ansia il seguito che in America è uscito da poco e si chiama “Ten thousand skies above you”


La recensione di Sognatrice Interrotta:
Il blog: http://www.sognatriceinterrotta.blogspot.it

Questo primo capitolo della nuova trilogia di Claudia Gray mi ha piacevolmente colpita e ho trovato l’idea molto originale, nonostante, la tematica del “multiverso” si è trattata anche in altri libri. La nostra protagonista Marguerite si ritroverà a viaggiare attraverso altri mondi paralleli al suo prendendo il corpo di altre versioni di se stessa. L’ambientazione che più mi è piaciuta è stata quella della Russia e dello Zar e soprattutto in questo viaggio, Meg, si ritroverà ad entrare molto in sintonia con la vita della figlia dello Zar. La capacità di Meg, non è solo quella di viaggiare ma di entrare in armonia con le altre sue versioni sparse nei multiversi e forse, in un certo senso, assorbirà molto di loro rendendosi conto di quanto siano simili nonostante la diversità della vita o della loro situazione. La caccia al mistero legato al padre sarà movimentata e renderà chiaro il progetto dei suoi genitori e del firebird. Nella storia troveremo anche un piccolo triangolo amoroso che però non disturberà minimamente e non prenderà troppo l’attenzione. I due personaggi maschili sono molto diversi fra loro, Theo è il tipico bad boy mentre Paul sembra apparire come un ragazzo intelligente ma riservato. In questo libro si parla molto di futuro, scoperte scientifiche e famiglia. La famiglia viene vista anche nei vari universi paralleli che attraverseranno per cercare la verità. La lettura è molto scorrevole e l’autrice ha saputo costruire e sviluppare un’idea davvero interessante. Le varie ambientazioni spiccano per la loro diversità, sia per quanto riguarda i caratteri sia per l’epoca. Personalmente mi è piaciuto molto e non vedo l’ora di leggere i seguiti. Claudia Gray si dimostra ancora una volta molto brava come autrice in grado di scrivere storie ben strutturate, coinvolgenti e leggere. Consigliatissimo.

11994258_10207386157513077_1162226688_n

Da domani in libreria: “Dopo di lei” di Joyce Maynard

image

TRAMA

È l’estate del 1979 a Marin, California. Rachel e la sorellina Patty esplorano indisturbate la montagna dietro casa, lasciate a loro stesse da un padre detective di polizia e da una madre triste e depressa, che si occupa di loro da lontano. Ma un giorno delle giovani donne iniziano a essere uccise su quella montagna. Il padre di Rachel viene incaricato del caso, ma la sua grande occasione si trasforma presto in un fallimento, quando tarda a trovare il Killer del Tramonto. Per aiutarlo Rachel e Patty decidono di lanciarsi in un gioco pericoloso,  mettendo a rischio se stesse e compromettendo la carriera del padre.

TITOLO: Dopo di lei
AUTORE: Joyce Maynard
EDITORE: Harlequin Mondadori
PAGINE: 378
PREZZO: 16,00 €
USCITA: 8 settembre 2015

“Un toccante ritratto della relazione tra un padre e una figlia”
– Booklist
Di questo si tratta:
Una serie di omicidi come sfondo e la relazione tra Rachel e Patty con il proprio padre, l’ispettore di polizia.
La prima metá del libro è prettamente introduttiva alla storia. La narratrice, Rachel, sta raccontando episodi della sua vita per far capire al lettore come si è arrivati alla storia vera e propria. È molto descrittiva e ad un certo punto c’è una descrizione molto carina sul comportamento delle tredicenni. Veramente molto toccante, ho rivisto me stessa a quell’etá. Nonostante sia così descrittivo come libro, appunto, non annoia mai. Dalla seconda metá alla fine il libro è super pieno di colpi di scena, cominci a sospettare di tutti, e vai in confusione. Ti portano da una parte e poi ti fanno fare marcia indietro e fino alla fine rimani col fiato sospeso. È un giallo? Un Thriller? Forse sì, ma è soprattutto un libro che parla della vita di una famiglia composta da due bambine super avventurose, una madre depressa e un padre visto come un eroe fino a quando le cose cambiano all’improvviso.
Come cambiano? Scopritelo leggendo “Dopo di lei”.

Voto: 8 e mezzo

Arriva la traduzione di “A thousand pieces of you” di Claudia Gray! Dall’8 settembre in libreria “Firebird – La caccia”

Qualcuno di voi è un appassionato di Claudia Gray e delle sua serie Evernight? Sì? Dove siete? Perché ho una bella notizia per voi!
Arriva in Italia, edito da Harlequin Mondadori, la traduzione di “A thousand pieces of you”

a-thousand-pieces-of-you

e si chiamerà “Firebird – La caccia”.

CNark-7UAAAdGKQ

Marguerite Caine è cresciuta respirando intorno a sé le teorie scientifiche più all’avanguardia. I suoi genitori, infatti, sono due famosi scienziati che sono riusciti a realizzare la macchina più stupefacente di tutti i tempi: il Firebird, un congegno che permette di viaggiare in dimensioni parallele.
Ma quando il padre di Marguerite scompare, sarà suo compito trovarlo, con l’aiuto di Theo, uno studente di fisica, in una caccia all’uomo pluri-dimensionale, tra una Londra del futuro, una Russia ai tempi dello Zar e un mondo sottomarino. Le vite sono mille. Mille le possibilità. Ma il destino è uno soltanto.

Prenotate la vostra copia sullo store Harlequin Mondadori http://bit.ly/1JizWo3
o

CORRETE IN LIBRERIA L’8 SETTEMBRE!

8! SETTEMBRE!

NON DIMENTICATELOOOOOOO.

Dolcezze al miele di lavanda – Susan Wiggs // Recensione

image

Isabel Johansen, chef di talento cresciuta nella sonnacchiosa Archangel, nella Sonoma Valley, vive da sempre a Bella Vista, l’idilliaca e assolata tenuta di famiglia, che vuole trasformare in una scuola di cucina. Tra alberi di mele, orti e l’allevamento di api, Bella Vista è il posto perfetto per il suo progetto di trasformare gli amanti della buona tavola in esperti nell’arte culinaria. Ed è anche il posto perfetto per dimenticare il passato… Ma i suoi piani cominciano a incrinarsi quando lo scrittore e giornalista Cormac O’Neill arriva ad Archangel per indagare su una vecchia storia e scrivere una biografia sul nonno di Isabel.

Un passato burrascoso turba la mente di Isabel che non vuole più farsi coinvolgere in una storia d’amore. Uno scrittore, simbolo dell’uomo perfetto, la metterà a dura prova. Suo nonno, sopravvissuto alla guerra e, soprattutto, alla vita cambierá il suo modo di pensare grazie alla sua storia. Il nonno di Isabel aveva una moglie che non poteva avere figli, un’amica di famiglia metterà al mondo Eric, padre di Isabel… ma non solo…È anche il padre di Tess. Due famiglie nate da uno stesso uomo, due sorelle che si sono riincontrate e che hanno tirato su Bella Vista nel migliore dei modi. I paesaggi descritti sono impressionanti, vi innamorerete di tutto, dal miele alla lavanda.

Se avete già letto questa storia, o se avete intenzione di farlo e di innamorarvene, allora non perdete il primo capitolo della serie “Bella Vista”:
IL PROFUMO DELLE MELE ROSSE
In libreria e sullo store ‘Harlequin mondadori’.

http://bit.ly/1F8hSgY

Un libro sulla spiaggia: Le due metà del mondo // Recensione

image

Maria ha diciannove anni, vive a Torino e ha appena finito gli esami di maturità ( Cosa che mi ha parecchio coinvolta, considerando che mi sono diplomata questo mese ). Vorrebbe fare la psicologa ( rieccomi ) ma è destinata invece, alla fine dell’estate, a entrare in fabbrica, come suo padre. Maria si è costruita un mondo tutto suo, curato in ogni minimo particolare, un mondo che le garantisce un’apparente sicurezza, che di fatto non possiede. Una parte della sua vita è come chiusa in una scatola e ciò che le serve veramente è una chiave che le permetta di aprire quella scatola e di far uscire ciò che la sua mente e il suo cuore rifiutano di accettare. Arriva un momento, infatti, in cui, costretta a lasciare l’ambiente protetto in cui è cresciuta, comincia a sentirsi attratta da un’esistenza fatta di cose normali, concrete, che le offre la possibilità di sciogliere le catene alle quali ormai è abituata da troppo tempo. Ma come lasciarsi andare a una nuova vita e smettere di combattere? L’ombra di un fratello ingombrante e di un padre assente continuano a trattenerla in una prigione in apparenza dorata, fino a quando, inaspettatamente, Maria dovrà fare i conti con sentimenti nuovi che cambieranno la sua vita per sempre.

Questo mondo, in cui si rifugia Maria, è impossibile capirlo se non si legge il libro fino alla fine. Io stessa ho iniziato la lettura e l’ho portata avanti con la convinzione che fosse un mondo reale, che tutto stesse davvero accadendo e invece alla fine ho potuto distinguere che le cose che mi sembravano più reali, in realtà, erano tutto frutto della mente di Maria. Maria è stata traumatizzata da qualcosa e non le piace la sua vita così com’è, per questo il suo cervello scappa, costruisce ed inventa. Tutti dicono che sia pazza e tu, leggendo, ti chiedi perché… alla fine capisci.

Si nota come l’autrice si sia immedesimata nella storia: ha vissuto mentre vivevano i personaggi ed è riuscita a cogliere tutti gli aspetti importanti della storia che ti permettono di amarla in tutto e per tutto.

Io ringrazio harlequin mondadori per avermi spedito questo bellissimo libro, con tanto di autografo dell’autrice Marta Morotti. Per me è stato un piacere recensire questa bellissima storia.
La consiglio.
Voto: 8.5

image

Siete pronte per i titoli HM di luglio?

Vi aggiorno su tutte le uscite di Luglio della casa editrice Harlequin Mondadori.

DAL 7 LUGLIO IN LIBRERIA:

J. ARMENTROUT             FREDDO COME LA PIETRA
(seguito di Caldo come il fuoco)

freddo come la pietra

MEG DONOHUE              DOG CRAZY

HM_DogCrazy.indd

DAL 7 LUGLIO IN  ANTEPRIMA EBOOK E DAL 14 LUGLIO IN LIBRERIA

EDY TASSI           EFFETTO DOMINO

edy-tassi-effetto-domino

SUSAN WIGGS   DOLCEZZE AL MIELE DI LAVANDA

dolcezze

CAROL MARINELLI          ALICE PUNTO E A CAPO

Alice-punto-e-a-capo-di-Carol-Marinelli-e1435816346105

MARTA MOROTTI           LE DUE META’ DEL MONDO

marta-morotti-le-due-meta-del-mondo

E… BUONA LETTURA! 

Blogtour “L’ultima volta che ti ho detto addio” // Intervista a Cyntia Hand + SCONTO per acquistare il libro

Ospito oggi l’ultima tappa del Blogtour al quale ho partecipato grazie ad Harlequin Mondadori, e vi lascio un’intervista molto interessante dell’autrice Cyntia Hand. Vi ricordo che questo splendido romanzo sarà in libreria da oggi e che non sarà assolutamente un acquisto deludente, anzi, vi sorprenderà!

  •  Sul romanzounnamed

1. Il pubblico americano ha imparato a conoscerti e apprezzarti come scrittrice Young Adult/Paranormal, grazie al successo della serie Unearthly. L’ultima volta che ti ho detto addio, invece, è un romanzo Young Adult con un’impronta molto differente, per tematiche e ambientazione. Da cosa è nata l’urgenza di scrivere questo romanzo?
In tutti i miei libri ricorrono temi simili: il rapporto tra fratelli, tra madre e figli, padri assenti e la perdita inevitabile delle persone che amiamo. Queste riflessioni ricorrono nei miei romanzi così come in L’ultima volta che ti ho detto addio, tuttavia questo romanzo è incentrato sul processo del lutto, su come viene affrontato da chi si trova a confrontarsi col tema del suicidio di una persona cara. Mio fratello è morto proprio in una circostanza analoga, quando avevo vent’anni e lui diciassette: ho pensato che potesse essere importante condividere questa esperienza con gli altri, per provare a capire.

2. L’ultima volta che ti ho detto addio è un romanzo emozionale, che tocca il cuore dei lettori ma soprattutto ti coinvolge in modo molto intimo e personale. Come hai trovato la forza di raccontare questa vicenda? La scrittura è stata in qualche modo catartica?
È stato un romanzo difficile e molto doloroso, per molti aspetti. Verso la fine, ci sono state intere settimane in cui mi sono ritrovata a piangere guardando queste pagine. Ma sì, penso che in fondo che sia stato catartico, mi ha aiutato a lavorare sulle mie emozioni e sui sentimenti che ancora mi tormentano dopo la morte di mio fratello.

3. In che modo si riesce a conciliare una scrittura dedicata ad un pubblico di giovanissimi a tematiche così delicate, come il dolore, la perdita e il suicidio?
Gli adolescenti hanno a volte una visione molto “romantica” del suicidio, il che mi preoccupa, perché nella mia esperienza, non c’è nulla di tutto questo in un atto di morte. Oltre il 50% degli adolescenti americani hanno pensato al suicidio durante l’adolescenza, è tremendo. Ecco perché ho voluto parlarne: volevo condividere quello che si prova, la rabbia, il dolore di chi resta, senza quella patina eroica che si percepisce nell’immaginario comune. Ho raccontato la realtà, nel modo più crudo possibile, così com’è.
4. L’ultima volta che ti ho detto addio racconta un equilibrio quasi straniante tra prima e dopo, assenza e presenza, routine quotidiana ed eventi che ne turbano il normale flusso. In che modo Lexie trova il coraggio di andare avanti, superando il senso di colpa che sembra opprimerla?
Arriva a un punto in cui Lexie deve andare avanti, ad ogni costo. Ma ci sono diverse cose che l’aiutano: i suoi amici, che non rinunciano a credere in lei, il suo terapeuta, sfidandola ad essere onesta con se stessa, e infine la madre, e il reciproco aiuto nel tentare di superare il dolore. Credo che Lexie debba trovare la forza di mantenere i buoni ricordi, qualcosa di bello della sua vita “prima”, oltre la tragedia.

5. Qual è il ruolo di Sadie, la vicina di casa e coetanea, in tutta la narrazione? Pensi che per un adolescente sia più semplice confidare le proprie paure ad un estraneo piuttosto che cercare rifugio all’interno del nucleo familiare?
Sadie è uno dei miei personaggi preferiti. Svolge il ruolo di un’estranea simpatica (anche se lei e Lexie sono state amiche da bambine) e sì, credo gli adolescenti a volte trovino più facile parlare con persone che nutrono meno aspettative nei loro confronti, rispetto a genitori e amici. Sadie offre una prospettiva diversa a Lexie, sia dal punto di vista del lutto (il papà di Sadie è morto qualche anno prima), sia perché crede in una vita oltre la morte, a differenza della protagonista. 6. Quanto c’è di te in Lexie, la protagonista del romanzo? In che modo la personalità lucida e razionale della protagonista riesce a convivere con la “presenza” di Tyler? Quando ho iniziato a scrivere il libro è stato difficile, stavo cercando far raccontare alla protagonista un dolore che io stessa non ero riuscita ancora ad esprimere. Ma poi il personaggio di Lexie ha iniziato a prendere vita: io non ero più lei, e la storia di suo fratello non era la mia. Oltretutto, io sono terribile in matematica e probabilmente non sono nemmeno la persona più razionale del mondo. Ma c’è una cosa: dopo la morte di mio fratello ci è capitato di sentire il suo profumo in giro per casa, in modo inaspettato. Mia madre era convinta che lui fosse ancora con noi, mentre io odiavo questa reazione. Non volevo più sentirlo, mi rifiutavo di crederci. Quindi, a quel livello, la mia reazione è stata molto simile a quella di Lexie.

7. Qual è il messaggio che vorresti trasmettere ai lettori con L’ultima volta che ti ho detto addio?
Le persone che amiamo non se ne vanno mai veramente.

ATTENZIONE!!!!!!

sconto_blog

Per tutte le fedelissime del blog e delle iniziative speciali realizzate in collaborazione speciale con Harlequin Mondadori, ecco un’occasione assolutamente da non perdere!

Da martedì  16 giugno alla mezzanotte di venerdì 19 giugno, in occasione del’ultima tappa del blogtour del romanzo di Cynthia Hand L’ultima volta che ti ho detto addio, approfittate dell’esclusivo coupon d’acquisto realizzato appositamente per voi!

Come fare?

È semplicissimo, andate su www.harlequinmondadori.it, riempite il vostro carrello e con una spesa minima di 25€, al momento dell’acquisto potrete usufruire del codice promozionale BLOG615 che vi garantirà uno sconto del 20% su tutti i prodotti, cartacei e ebook (non valido per abbonamenti).

Cosa state aspettando?

Non mi resta che augurarvi buona lettura!