Recensione: Il patto – Jodi Picoult

La luna rotolava nel cielo, uno spicchio luminoso nel buio, e lei respirava il profumo della sua pelle. <<Ti amo>> gli disse.
Lui la baciò così lievemente che lei si chiese se lo avesse immaginato. Si tirò indietro lentamente, per guardarlo negli occhi.
Poi, lo sparo.

ciao

Titolo: Il patto (The pact)
Autrice: Jodi Picoult
Casa editrice: Harper Collins Italia
Pagine: 573
Prezzo: 14,90€
Data uscita: 19 gennaio 2016

Trama:

Fino a quella telefonata alle tre del mattino di una giornata di novembre, i Gold e i loro vicini di casa, gli Harte, sono sempre stati inseparabili. Per ben diciotto anni. Non è stata una sorpresa per nessuno, dunque, quando i loro figli adolescenti, Chris ed Emily, da semplici amici sono diventati qualcosa di più.
Ma adesso la diciassettenne Emily è morta uccisa da un colpo di pistola alla testa sparatole da Chris, in un apparente patto suicida lasciando le due famiglie devastate e alla disperata ricerca di risposte su un gesto inimmaginabile, di due figli che forse non conoscevano bene come credevano.
È rimasta una sola pallottola nella pistola che Chris ha preso dall’armadio del padre, una pallottola che secondo la sua versione era destinata a se stesso. Cos’è successo veramente?
Un detective della polizia del luogo nutre più di un dubbio sul patto suicida descritto dal ragazzo e inizia un’indagine che terrà il lettore col fiato sospeso fino all’ultima pagina.


 

Come al solito, state per leggere la mia recensione totalmente sincera.

Leggere le prime pagine di questo libro è stato veramente stancante, ho dovuto metterci tutta la mia forza di volontà, era un parto naturale senza epidurale.
Ci ho messo un po’ ad ingranare, forse perché ero coinvolta nella lettura di altri romanzi con molta azione, forse non ero totalmente in periodo o forse, ipotesi molto plausibile, non mi prendeva molto lo stile di scrittura.
Fortunatamente, su un libro composto di 573 pagine, solo le prime settanta/ottanta sono state pesanti… poi ho ingranato.
Non ho messo la seconda o la terza… ho messo la quinta!
Questo libro mi ha preso sempre di più, non riuscivo a staccarmi, volevo sapere sapere e sapere.
Di cosa parla questo libro?
Gli Harte e i Gold si ritrovano ad essere vicini di casa, le due signore sono entrambe incinta e questo implicherà, ovviamente, che i figli che nasceranno saranno praticamente coetanei.
Chris ed Emily, infatti, hanno solo cinque mesi di differenza: crescono insieme ed inevitabilmente si fidanzano.
Qual è il problema? Apparentemente nessuno… se non fosse che il libro comincia con un suicidio… o è un omicidio?
Chris viene accusato dell’omicidio di Emily, viene messo in prigione, deve subire un processo.
Qual è la verità? Chris ha ucciso Emily o davvero lei voleva suicidarsi? E Chris, voleva suicidarsi anche lui? Chi gli crederà? Chi gli sarà contro?
Questo libro è così intricato, così pieno di sentimenti e così ben scritto e costruito che ad un certo punto è come se fossi nel pubblico del tribunale, come se stessi assistendo al processo. Sembra quasi che l’accaduto si sia verificato nella tua cittadina e ti senti in dovere di assistere, di leggere le notizie, perché è come se conoscessi tutta la gente coinvolta.
Chris non l’avrebbe mai uccisa.
Emily non si sarebbe mai suicidata.
Chris non si sarebbe mai suicidato.
Emily era incinta.

Se c’è un personaggio con cui non sono stata sempre d’accordo è Melanie, la mamma di Emily.
Nella più totale disperazione, dopo la morte di sua figlia, vuole accusare una persona qualunque per non dover dare la colpa a sua figlia. Non le importa minimamente che la persona in questione sia Chris, che per tutta la vita è stato come un secondo figlio per lei, e non ci pensa due volte quando si tratta di distruggere alcune prove che potrebbero scarcerarlo.
Melanie vuole con tutta se stessa che il colpevole sia Chris e non può pensare neanche per un secondo che non sia così, che sua figlia abbia voluto morire. Non esiste perché nel suo universo Emily era perfetta.
Ma alla fine dei conti, Chris è innocente o è colpevole? Forse non lo sa neanche lui…

Il patto – Jodi Picoult. Un romanzo dall’autrice che ha ispirato il film La custode di mia sorella – Dal 19 gennaio in libreria

Dall’autrice del romanzo che ha ispirato il toccante film La custode di mia sorella,

una nuova opera meravigliosamente narrata firmata
JODI PICOULT.

ciao

 

“Una scrittrice straordinaria.”
Stephen King

Trama:

I Gold e i loro vicini di casa, gli Harte, sono sempre stati inseparabili. Per ben diciotto anni. Non è stata una sorpresa per nessuno quando i loro figli adolescenti, Chris ed Emily, da semplici amici sono diventati qualcosa di più. Ma adesso la diciassettenne Emily è morta – uccisa da un colpo di pistola alla testa sparatole da Chris, in un apparente patto suicida. Ma cos’è successo veramente?

Dal 19 gennaio in libreria e sullo store Harper Collins Italia http://bit.ly/1VE84SG


L’autrice

Jodi Picoult vive ad Hanover, New Hampshire, con il marito, i tre figli e numerosi animali domestici. Autrice di 23 romanzi pubblicati in 35 lingue e ha venduto più di 14 milioni di copie in tutto il mondo. La custode di mia sorella ha ottenuto un grande successo di pubblico ed ha ispirato la realizzazione di un film. Il patto è stato opzionato per un film televisivo. Online la trovate su Facebook, Twitter e suwww.jodipicoult.com.

 

Recensione: Accade a Natale – Sarah Morgan

Oggi approfitto anche, essendo la vigilia di Natale, per parlarvi del libro “Accade a Natale” di Sarah Morgan.
Il libro in questione è il finale di una trilogia che si compone così:
1. Mentre fuori nevica
2. All’improvviso la scorsa estate
3. Accade a Natale
ma io l’ho letto singolarmente, senza i precedenti, e la storia si capisce comunque.
Parliamone…

Accade-a-Natale_hm_cover_big

Titolo: Accade a Natale
Autrice: Sarah Morgan
Editore: Harlequin Mondadori
Prezzo: 14,90€
Pagine: 331

Trama:

Questo Natale, Tyler O’Neil, ex campione di sci, affascinante rubacuori e papà single ha una sola missione: regalare a sua figlia Jess il miglior Natale della sua vita. Il fatto che la sua migliore amica, Brenna, bella e sexy da morire, sarà temporaneamente ospite del suo chalet allo Snow Crystal Resort, al completo per le feste, è una deliziosa distrazione che lui deve assolutamente ignorare. L’amicizia che lo lega a Brenna, infatti, è forse l’unica relazione che non ha ancora rovinato. E non ha alcuna intenzione di farlo adesso. Brenna è da sempre innamorata di Tyler e stargli così vicino si rivela una vera tortura: come può concentrarsi nell’essergli solo amica quando lui dorme nella stanza accanto? È possibile che in questo magico Natale i suoi sogni possano finalmente diventare realtà?


 

Quando ho preso in mano questo libro mi aspettavo di trovare una storia che avrei faticato a capire, almeno all’inizio, essendo consapevole di non aver letto i due libri precedenti. In realtà non è andata così. La storia si può leggere da sola senza problemi perché ogni libro della serie parla di un fratello, un O’Neil, diverso. Questo libro è dedicato a Tyler, il precedente a Jackson e quello ancora prima a Sean. I personaggi dei libri precedenti sono tutti citati, vivendo tutti nello stesso posto, ma non si fa assolutamente sentire la mancanza delle loro storie.
Quindi, ricapitolando, pensavo che non avrei capito nulla e sarei rimasta delusa ma così non è stato… la cosa che mi ha delusa è stata decisamente un’altra.
Avevo letto di persone che aspettavano questo libro con trepidante eccitazione e impazienza, di persone che amavano questa trilogia tanto da strapparsi quasi i capelli… ma in realtà, credetemi, Sarah Morgan scrive proprio male!
Il primo capitolo è finito intorno a pagina 40 (ed è risaputo che odio i capitoli lunghi) e le pagine sono piene di dettagli poco interessanti e senza senso. Alla fine dei conti, in 330 pagine circa, è successa una sola cosa:
Tyler ha trovato la fidanzata.
Mi sarei aspettata qualche colpo di scena, qualche litigata furiosa, un po’ più di combattimento e invece no… è stato tutto fin troppo facile.
E’ un romanzo rosa, solo questo. Non ha altro.
Quanti ne ho letti di romanzi rosa? Una valanga, vi assicuro, soprattutto agli inizi del mio percorso da lettrice… ma mi hanno sempre lasciato qualcosa che andava al di là della storia d’amore. Può essere il dettaglio della risata, del sorriso che ti stampa sulle labbra, il dettaglio del mistero e dell’ansia che ti tiene sulle spine.
In realtà questo libro, per me, è vuoto di tutto.
Tratta un solo argomento importante, e neanche con troppa enfasi e volontà di sottolinearlo, ovvero il bullismo.
Per quanto mi riguarda non leggerò i libri precedenti e la storia tra me e Sarah Morgan si chiude qui.

Vi aspettavate che vi parlassi di un bel libro da leggere sotto l’albero e che non vi facessi una recensione negativa?
Non è andata così! Io per voi, oggi, sono il Grinch! (P.S. Alle 19:35 non perdetelo su Italia 1)

kinopoisk.ru

Ma non è detto che domani, che è Natale, non vi ritroviate una bella sorpresa!

Voto: 7 (perché a Natale siamo tutti più buoni e perché Tyler mi stava simpatico)

 

Vi lascio alla preparazione della vostra vigilia di Natale e vi prometto, che almeno per oggi, vi lascerò in pace con gli articoli.
Buona Vigilia tesori miei … ♥

Libri di sogni: Non sono io, sei tu – Mhairi McFarlane ♥

Senza nome

Scoprite di più sulla collaborazione cliccando qui: LIBRI DI SOGNI.

Non-sono-io-sei-tu_hm_cover_big

Titolo: Non sono io, sei tu
Autore: 
Mhairi McFarlane
Numero Pagine: 517
Editore: 
Harlequin Mondadori
Prezzo: 
14,90 €

Trama:

Delia Moss non è ben sicura di sapere dove ha sbagliato.
Quando ha chiesto al suo fidanzato Paul di sposarla e ha scoperto che lui andava a letto con un’altra, ha pensato che fosse colpa sua.
Quando ha realizzato che la vita non sarebbe più stata la stessa, ha pensato che fosse colpa sua.
Ma quando Paul si rifà vivo come se niente fosse accaduto, Delia inizia a pensare: “Forse non sono io il problema. Forse il problema sei tu.”
Da Newcastle a Londra e ritorno, tra lavori loschi, capi eccentrici e giornalisti belli ma noiosi, Delia deve scoprire cosa ne è stato della sua vita e che fare del suo futuro.


La recensione di Cioccolato e Libri:

fum

Apri il libro e cosa ti trovi davanti? Un fumetto!
No, il libro non è tutto così.
La trama si sviluppa e allo stesso tempo ci sono queste bellissime illustrazioni che accompagnano la lettura.
In realtà non capisci perché ci sono queste immagini finché non leggi una parte della storia: Delia si diverte a disegnare un fumetto su una volpe.
Ho apprezzato molto questi disegni 🙂

Delia ci viene presentata come una trentenne abbastanza sfortunata, come una ragazza che si è accontentata di quello che la vita le ha dato e che, nonostante ci siano dei problemi, si rassegna a tutto ciò che le capita. Chiede all’uomo con cui sta da dieci anni di sposarla e scopre che lui la tradisce, ha un lavoro dove nessuna delle sue capacità viene valorizzata, vive lontana dalla sua migliore amica e dalla sua famiglia.
Dov’è la felicità in tutte queste cose?
Non c’è!
Delia decide di lasciare tutto e partire per Londra, di trovarsi un nuovo lavoro e subito appaiono i primi ostacoli.
Il nuovo capo di Delia ha dei nemici… e questi nemici finiscono inevitabilmente per prendersela con lei.
E’ una tragedia come sembra o Delia potrà trarne qualcosa di buono?

Ovviamente, da buon romanzo indirizzato alle donne, la storia d’amore non manca ma si sviluppa come si deve soprattutto nelle ultime pagine. Di che storia d’amore sto parlando? Di quella con l’ex fidanzato o di quella con un uomo del tutto nuovo?

 

<<Se hai paura, va bene così. Perché aver paura non ti impedisce di farcela>>.

Sarà questo l’insegnamento più grande che Delia acquisirà e consiglierà a chi le sta vicino.
Un libro di crescita personale e, soprattutto, che rispecchia la realtà di molte persone.
Le risate non mancano (in alcune scene mi sono divertita da matti, immaginandomi con la mia migliore amica) e questo rende il tutto meno pesante.
Ok, stiamo parlando di 517 pagine… ma io avevo un gran bisogno di distrarmi e le ho “sopportate” con piacere.

Voto: 8 e mezzo.

 


La recensione di Sognatrice Interrotta:
Il blog: http://www.sognatriceinterrotta.blogspot.it

Delia è un personaggio molto interessante perché avrà la forza di rimettersi in gioco nonostante il tradimento del suo fidanzato e l’improvvisa scelta di licenziarsi.
Durante la storia siamo letteralmente sommersi da episodi divertenti e situazioni che ci porteranno a conoscere altri personaggi molto particolari che avranno un bel ruolo di sfondo nella vita di Delia. Emma, l’amica di Delia, è uno dei miei personaggi preferiti che è riuscita con la sua ironia a strappare spesso qualche risata. Ho adorato la passione nascosta di Delia e le pagine che ripropongono il suo fumetto in cui lei è un’eroina.
Ad un primo impatto potrete ritrovare quella storia alla Kinsella oppure quell’ironia simile a “Tre amiche e tanti guai” della Costello ma questo romanzo va più nel profondo, non risultando superficiale ma parlando di tematiche importanti e riuscendo in questo contesto a dare valore ai cambiamenti che una persona può fare compiendo alcune scelte anche “estreme”.
Essendo un libro molto corposo, forse, al primo impatto vi sembrerà un po’ lentino ma da quando Delia si trasferirà a Londra verrete catapultati in diverse situazioni che renderanno la lettura molto scorrevole. Delia è una protagonista con cui tutte noi potremmo confrontarci soprattutto per il suo modo di essere anche vicina alla realtà. Il suo modo di ritrovare se stessa viene, secondo me, cercato nel migliore dei modi e cercherà di ritrovare quelle qualità che più hanno valore in lei.
Spesso una serie di sfortunati eventi non sono esplicitamente un’errore nostro ma vengono causati anche da chi ci circonda condizionando anche il nostro presente.
E’ un romanzo leggero che consiglio ma è anche una lettura che può dare quel qualcosa in più regalandoci delle belle risate e adatta ai momenti più no della giornata.

12358049_10207924810579067_814569458_n

Libri di sogni: FIREBIRD la caccia – Claudia Gray

Senza nome

Scoprite di più sulla collaborazione cliccando qui: LIBRI DI SOGNI.

CNark-7UAAAdGKQ

Titolo: FIREBIRD – La caccia
Autore: Claudia Gray
Casa editrice: Harlequin Mondadori
Pagine: 332
Prezzo: 16,00€

Trama:

Marguerite Caine è cresciuta respirando intorno a sé le teorie scientifiche più all’avanguardia. I suoi genitori, infatti, sono due famosi scienziati che sono riusciti a realizzare la macchina più stupefacente di tutti i tempi: il Firebird. Si tratta di un congegno che permette di viaggiare in dimensioni parallele, basandosi sulla teoria che esistono infiniti universi, che sono poi quelli delle possibilità. Ciò che non è stato in questo mondo si è certamente realizzato in uno degli altri.
Il padre di Marguerite, però, è misteriosamente scomparso. Sembra che a ucciderlo sia stato Paul, uno degli assistenti, che è poi fuggito impunito in un’altra dimensione, portando via con sé tutti i dati relativi al Firebird. Marguerite si lancia alla ricerca del padre e grazie a Theo, uno studente di fisica che l’aiuta nell’impresa, riesce a ingaggiare una caccia all’uomo pluri-dimensionale, tra una Londra del futuro, una Russia ai tempi dello Zar e un mondo sottomarino… Le vite sono mille. Mille le possibilità. Ma il destino è uno soltanto.


La recensione di Cioccolato e Libri:

Il libro parte in modo confuso: la storia è già iniziata e sembra quasi che questo non sia il primo libro di una serie, ma un seguito. Quando lo finisci pensi a quello che hai letto e ti rendi conto che il primo capitolo non sai dove inserirlo nella storia, in effetti penso che non si inserisca affatto!
Poi vai avanti e i personaggi diventano più chiari insieme alla storia, ti trovi nel bel mezzo di un fantasy degno di essere chiamato tale e muori dalla voglia di sapere chi è il “cattivo” di turno. C’è un triangolo amoroso già nelle prime pagine, tra Meg, Theo e Paul, e inevitabilmente ti trovi a fare il tifo un po’ per uno, un po’ per l’altro… ma sappiamo che alla fine potrà decidere solo Marguerite!
Tante dimensioni diverse si succedono, tanti percorsi, tante dimostrazioni di come sarebbe andata la vita con qualche decisione presa diversamente. Ogni volta che ti trovi a un bivio si crea una dimensione diversa.
Marguerite, Theo, Paul e qualcun altro si addentreranno in questo viaggio e porteranno con loro i lettori che saranno completamente persi nelle pagine.
Io non sono riuscita a staccarmi!
Il mio voto è 9♥ aspettando con ansia il seguito che in America è uscito da poco e si chiama “Ten thousand skies above you”


La recensione di Sognatrice Interrotta:
Il blog: http://www.sognatriceinterrotta.blogspot.it

Questo primo capitolo della nuova trilogia di Claudia Gray mi ha piacevolmente colpita e ho trovato l’idea molto originale, nonostante, la tematica del “multiverso” si è trattata anche in altri libri. La nostra protagonista Marguerite si ritroverà a viaggiare attraverso altri mondi paralleli al suo prendendo il corpo di altre versioni di se stessa. L’ambientazione che più mi è piaciuta è stata quella della Russia e dello Zar e soprattutto in questo viaggio, Meg, si ritroverà ad entrare molto in sintonia con la vita della figlia dello Zar. La capacità di Meg, non è solo quella di viaggiare ma di entrare in armonia con le altre sue versioni sparse nei multiversi e forse, in un certo senso, assorbirà molto di loro rendendosi conto di quanto siano simili nonostante la diversità della vita o della loro situazione. La caccia al mistero legato al padre sarà movimentata e renderà chiaro il progetto dei suoi genitori e del firebird. Nella storia troveremo anche un piccolo triangolo amoroso che però non disturberà minimamente e non prenderà troppo l’attenzione. I due personaggi maschili sono molto diversi fra loro, Theo è il tipico bad boy mentre Paul sembra apparire come un ragazzo intelligente ma riservato. In questo libro si parla molto di futuro, scoperte scientifiche e famiglia. La famiglia viene vista anche nei vari universi paralleli che attraverseranno per cercare la verità. La lettura è molto scorrevole e l’autrice ha saputo costruire e sviluppare un’idea davvero interessante. Le varie ambientazioni spiccano per la loro diversità, sia per quanto riguarda i caratteri sia per l’epoca. Personalmente mi è piaciuto molto e non vedo l’ora di leggere i seguiti. Claudia Gray si dimostra ancora una volta molto brava come autrice in grado di scrivere storie ben strutturate, coinvolgenti e leggere. Consigliatissimo.

11994258_10207386157513077_1162226688_n