Ingredienti Libreschi Book Tag!

Oggi faccio un TAG, dopo tanto tempo, a mio parere molto carino.
Ringrazio Sognatrice Interrotta per avermi nominata e nomino a mia volta tutti quelli che vogliono farlo, siete liberissimi come l’aria.

Il Tag è composto da 8 domande, vediamole subito.

1) PREZZEMOLO: un libro che vedi ovunque

E quanti ce ne sono? Tanti! Ma uno che ho visto proprio dappertutto per qualche mese è stato Tutte le volte che ho scritto ti amo di Jenny Han. L’h

han_tutte le volte_cover

2) CIPOLLA: un libro che solo sentirlo nominare ti metteresti a piangere

Questi due, che raccontano la stessa storia da due punti di vista diversi, solo a sentirli nominare mi viene un nodo allo stomaco assurdo. Valentina D’Urbano mi ammazza.

RumoreTuoiPassi.indd9788850241705_alfredo

3) CAFFÈ: un libro che ti ha tenuta sveglia

Con Princess di Lauren Kate ho fatto le ore piccole. Non vedevo l’ora di sapere, di conoscere il finale, di passare altro tempo con i personaggi. Wow.

Princess Lauren Kate

4) PATATINE FRITTE: una serie irresistibile che non hai potuto far a meno di leggere tutta d’un fiato un libro dopo l’altro

Ho amato tante serie ma questa è stata una delle poche che ho letto quando i libri erano già tutti usciti in Italia. Per quello detto e per altri motivi, ho divorato la saga Trylle di Amanda Hocking.

12032952_877230935694535_135025414885161636_n11990588_877230929027869_8466306694959879620_n11232284_877230922361203_2298590067301246226_n

5) LIEVITO: un libro il cui successo è stato gonfiato troppo

Uno che ho visto proprio dappertutto, nonostante le recensioni negative, per qualche mese è stato The queen of the tearling. Proprio per le recensioni negative, successive a tutta la pubblicità che ha ricevuto, non l’ho comprato e non ho intenzione di farlo

6) CUPCAKE: un libro dalle mille sfumature e colori

Include tante cose, tante emozioni e sogni infranti. Fantastico 🙂

la strada che mi porta a te

7) OLIO: un libro che ti è scivolato via dalla mente

Di questo libro non trovo notizie su google e ho intenzione di scrivere presto un articolo MA proprio non lo ricordo. L’ho letto alle elementari e mi era piaciuto tantissimo ma devo proprio rivederlo… non ricordo neanche una parola 😦

20151106_110211

8) LIMONE: un libro che a tanti è piaciuto, ma che a te fa drizzare i peli.

La mia recensione negativa l’avete letta qualche giorno fa… ma che obrobrio !

3416618-9788817084178

A presto lettori e mi raccomando FATE QUESTO TAG ♥

La collina dei conigli – Richard Adams

Caro Richard Adams… che c’hai da dire sui conigli per 430 pagine?

3416618-9788817084178

Trama:

Nel sud dell’Inghilterra, sulle colline del Berkshire, vive in pace una numerosa comunità di conigli. Tra loro c’è il piccolo Quintilio, che ha il potere di fare dei sogni premonitori: questa volta il sonno gli ha parlato di una terribile minaccia che sta per abbattersi sulla sua gente. Qualcosa di inspiegabile, che viene dagli uomini. Ma quando tenta di mettere in guardia il suo popolo, come spesso accade ai profeti, nessuno gli crede. E cosa può fare il piccolo Quintilio se nemmeno il Coniglio Capo gli presta attenzione? Semplice, decidere di fuggire lontano con un gruppo di amici fidati. Attraverso terre sconosciute e impervie, la coraggiosa compagnia di conigli intraprende un viaggio alla conquista della libertà e di una nuova possibilità di vita, imbattendosi in pericoli di tutti i tipi: da una conigliera dove i conigli sono un po’ apatici ma hanno cibo in abbondanza (anche se ogni tanto qualcuno scompare), a una strana comunità dove le coniglie non fanno più cuccioli… Un romanzo epico, a metà tra Tolkien e Orwell, un classico in cui Richard Adams dà forma a un universo divertente e appassionante, alla ricerca di un mondo migliore.


Perché ho comprato questo libro?
Per tutte le recensioni positive che avevo letto e per chi dice “La collina dei conigli è il mio libro preferito”.
Perché mi sono pentita?
Questo libro non mi è piaciuto per niente e non ne ho capito il senso.

Ho il blocco del lettore da due mesi abbondanti ma (e sono convinta di questo) non mi sarebbe piaciuto neanche se lo avessi letto in un altro periodo.
Penso che l’autore voglia dare un messaggio, voglia dire ai lettori di non accontentarsi mai e di combattere, e questo è un bel messaggio (soprattutto in un’epoca come questa)… ma ci vogliono 430 pagine sui conigli per farlo?
Non è che io non abbia mai letto libri “seri” e “pesanti”, perché l’ho fatto e lo continuerò a fare, ma questa storia non mi ha detto nulla.
Ho odiato le note a piè di pagina, e soprattutto il fatto che esse fossero necessarie, le parabole raccontate dal coniglio Dente di Leone e il fatto che in alcuni punti le scene descritte non erano assolutamente necessarie per lo sviluppo della trama.
430 pagine grandi e con scrittura piccola. 430 pagine. Sui conigli. Sui coniglii.

Prego tutti quelli che hanno catalogato questo come il “libro preferito” di commentare qui sotto e spiegarmi il perché.
Voglio saperlo più di quanto voglia mangiare un pezzo di cioccolata in questo momento.
Aspetto tutte le vostre opinioni e spero che siano numerose perché voglio capire cosa mi è sfuggito e, se riuscirete a convincermi, magari potrei anche rileggerlo in futuro.