Un uomo purché sia – Gianna Schelotto // Recensione

copUn uomo purché sia di Gianna Schelotto è un insieme di racconti sulle “donne in attesa dell’amore”.

“Una donna ha bisogno di un uomo come un pesce della bicicletta.” Così negli anni Settanta gridavano le femministe che erano scese in piazza per cambiare il mondo. Sono passati quattro decenni da quella straordinaria stagione di mutamenti. Le donne di oggi – almeno alle nostre latitudini – sono più libere, più consapevoli, più autonome, più sicure di sé. Ma non sembra che siano più felici. Il passaggio culturale da “zitelle” tristi e inacidite a “single” dinamiche e capaci di godersi la vita sembra aver lasciato aperto un bisogno, una ferita. Le donne infatti – molto più spesso degli uomini – si affamano, si abbuffano, vomitano, desiderano irrefrenabilmente la “roba d’altri” (si tratti di oggetti, o di amanti), inseguono in modo compulsivo uomini riluttanti o fuggitivi. È proprio di quest’ultimo “sintomo” – la ricerca disperata di un uomo a qualsiasi costo – che si occupa questo libro. Il fenomeno è trasversale, colpisce le giovani e le cinquantenni, le belle e le brutte, le casalinghe e le manager. Si tratta di un disturbo che ricorda molto da vicino la bulimia: ciò che conta è mangiare, non importa cosa, non importa quanto. Nella bulimia sentimentale il meccanismo è identico: si vuole un uomo non per amore, per simpatia o per attrazione sessuale. Si vuole un uomo per convincersi di valere qualcosa, un uomo purché sia, per riempire antichi e profondissimi sensi di estraniazione e di vuoto.

Troverete otto racconti con storie diverse di donne diverse… ognuno di loro vi lascerà qualcosa!

Voto: 7 e mezzo.

Io prima di te – Jojo Moyes // Recensione ♥

Io prima di te - Jojo Moyes

Titolo: Io prima di te
Autore:
 Jojo Moyes
Edito da: Mondadori (Collana: Omnibus)
Prezzo: 14,90 €
Genere:  Narrativa moderna e contemporanea
Pagine: 396

Trama:

A ventisei anni, Louisa Clark sa tante cose. Sa esattamente quanti passi ci sono tra la fermata dell’autobus e casa sua; sa che le piace fare la cameriera in un locale senza troppe pretese nella piccola località turistica dove è nata e da cui non si è mai mossa e, probabilmente, nel profondo del suo cuore sa anche di non essere davvero innamorata di Patrick, il ragazzo con cui è fidanzata da quasi sette anni. Quello che invece ignora è che sta per perdere il lavoro e che, per la prima volta, tutte le sue certezze saranno messe in discussione. A trentacinque anni, Will Traynor sa che il terribile incidente di cui è rimasto vittima gli ha tolto la voglia di vivere. Sa che niente potrà essere più come prima, e sa esattamente come porre fine a questa sofferenza. Quello che invece ignora è che Lou sta per irrompere prepotentemente nella sua vita portando con sé un’esplosione di giovinezza, stravaganza e abiti variopinti. E nessuno dei due sa che sta per cambiare l’altro per sempre. Io prima di te è la storia di un incontro. L’incontro fra una ragazza che ha scelto di vivere in un mondo piccolo, sicuro, senza sorprese e senza rischi, e un uomo che ha conosciuto il successo, la ricchezza, la felicità, e all’improvviso li ha visti dissolversi, ritrovandosi inchiodato su una sedia a rotelle. Due persone profondamente diverse, che imparano a conoscersi senza però rinunciare a se stesse, insegnando l’una all’altra a mettersi in gioco. Jojo Moyes ha scritto un romanzo con un incantevole sapore di verità e una leggerezza piena di sentimento, che tratta un tema difficile e doloroso con grande sensibilità e senza alcuna retorica. Profondo e divertente, commovente e sincero, Io prima di te conquista i lettori pagina dopo pagina portandoli a guardare la vita con gli occhi di Lou e Will, due personaggi tanto credibili quanto indimenticabili.


Ci sono libri… e libri che porti per sempre nel cuore.
“Io prima di te” fa parte di quest’ultima categoria, per me.
Ho ancora gli occhi lucidi, per via degli ultimi due capitoli e di tutte le emozioni che si sono accumulate fino a farmi scoppiare, quindi probabilmente fare questa recensione sarà difficile ma assolutamente liberatorio per me.
Un uomo costretto ad una vita che quasi non si può chiamare così, una donna che invece una vita quasi non l’ha vissuta ma ne ha tutte le possibilità… come finiranno insieme in un libro?
Ci finiscono perché lui ha bisogno di lei, almeno apparentemente, ma forse è più lei ad aver bisogno di lui.
Una storia veramente emozionante, straziante, profonda e scritta in una maniera meravigliosamente leggera ma che da sempre la giusta importanza alle cose. Non cade mai nel banale e pretende di entrare nel tuo cuore.
Jojo Moyes… grazie per avermi regalato questa perla.
Io non penso che sia un libro che necessita di essere commentato, quindi mi limito a dirvi solo una cosa:
avete bisogno di lui.

<<Sono stati i sei mesi più belli di tutta la mia vita>> gli dissi.
Seguì un lungo silenzio.
<<Guarda caso, Clark, è stato lo stesso anche per me.>>
E poi, così, all’improvviso, il mio cuore si spezzò.

Voto: 10.

Il mio cuore e altri buchi neri – Jasmine Warga // Recensione

Il mio cuore e altri buchi neri - Jasmine Warga

Titolo: Il mio cuore e altri buchi neri
Autore: Jasmine Warga
Casa editrice: Mondadori
Pagine: 277
Prezzo: 17,00€

Trama:
Aysel ha sedici anni, una passione per la scienza e un sogno che coltiva con quotidiana dedizione: farla finita. Tutto ormai sembra convergere in quel buco nero che è diventata la sua vita: i compagni di classe che le parlano alle spalle, un lavoro deprimente, il delitto commesso da suo padre che ha segnato per sempre il suo destino. Aysel vorrebbe sparire dalla faccia della Terra, ma le manca il coraggio di farlo da sola. Per questo trascorre il tempo libero su “Dipartite serene”, un sito di incontri per compagni… di suicidio. Roman, perseguitato da una tragedia familiare e da un segreto che vuole lasciarsi alle spalle, è il prescelto. Eppure, proprio nell’attimo in cui stanno per abbandonarla, la vita potrebbe mostrare il suo lato leggero, dolce e pieno.


Già dal primo capitolo avevo capito che sarebbe stato un libro meraviglioso.
La scrittura è stata subito scorrevole e coinvolgente, la storia del tutto nuova per me e i personaggi “reali”.
Aysel e Roman si incontrano su un sito per aspiranti suicidi che cercano compagni, si incontrano e si confrontano: all’inizio è un po’ un “vediamo chi sta messo peggio”, poi i due cominciano a comprendersi e la storia si evolve, nascono nuove emozioni e si capisce davvero cosa affligge questi due adolescenti.
Entrambi vogliono farla finita e non pensare più a nulla, lei a causa dei pregiudizi che la perseguitano per colpa di suo padre, lui perché si sente responsabile della morte di sua sorella.
Seguendo la storia di Aysel non ho potuto fare a meno di pensare, continuamente, “non vedi che tutti ti vogliono bene? Perché continui ad isolarti così?”, mentre seguendo quella di Roman mi veniva naturale chiedergli “non pensi a come ci starà tua madre a perdere un altro figlio?”.
Ti senti impotente, ti riempi di sentimenti non tuoi che alla fine lo diventano ed inevitabilmente, alla fine, ti commuovi.
Ho pianto un po’: è una storia super toccante.

Voto: 9 e mezzo.