Da oggi in libreria: Al centro dell’universo – Morgan Matson

Il 17 maggio 2015 scrissi la recensione di “Noi due ai confini del mondo“, un libro pieno di emozioni, uno young adult con i fiocchi e, soprattutto, un romanzo on the road che mi aveva fatto sognare di mettermi in macchina e partire.
Quest’ultima cosa che ho scritto rimarrà sempre e solo nella mia fantasia, essendo io totalmente negata alla guida, ma si sa che si legge proprio per questo: per fantasticare.
Da maggio ho aspettato con ansia che uscisse in Italia anche il secondo famoso romanzo di Morgan Matson, intitolato in lingua originale “Since you’ve been gone“, e il giorno è finalmente arrivato.

Da oggi trovate in libreria “Al centro dell’universo“, che io ho letto in anteprima per voi.

al-centro-delluniverso

Emily ha deciso di correre qualche rischio per trascorrere l’estate più travolgente della sua vita. Prima di Sloane, Emily non andava alle feste, parlava a malapena con i ragazzi, non aveva mai fatto niente di folle. Ma Sloane, un vero e proprio “tornado sociale”, è la migliore amica che si possa avere e l’ha tirata fuori dal suo guscio. Eppure, poco prima di quella che doveva essere un’estate epica, Sloane… scompare. Lascia solo una misteriosa lista con tredici cose, alquanto bizzarre, che Emily dovrà fare. Per esempio: “Cogli le mele di notte”. Va bene, abbastanza facile. “Balla fi no all’alba”. Perché no? “Bacia uno sconosciuto”. Che cosa?! Ma senza Sloane, Emily potrà farcela? Chissà cosa succederà, con tutta un’estate davanti e l’inaspettato aiuto dell’affascinante Frank Porter…

Titolo: Al centro dell’universo
Autrice: Morgan Matson
Casa Editrice: Newton Compton Editori
Pagine: 384
Prezzo: 12€


 

Sloane è andata via. Emily è abituata ad improvvise partenze della sua amica, ma è anche abituata a vederla tornare. Questa volta, però, non succede.
L’unica cosa che rimane ad Emily è una lista che la sua amica Sloane le ha spedito, una lista di cose folli. La sua migliore amica vuole che le faccia tutte perché, da quando la conosce, Emily non ha mai avuto il coraggio di osare.
Vittima un po’ dell’essere amica di una ragazza tanto fantastica da metterla in ombra, Emily non ha mai creduto di poter brillare di luce propria… piuttosto di prendere tutti i riflessi di Sloane.
Quindi, quando si ritrova sola, che fa?
La lista vuole che lei baci uno sconosciuto, che abbracci qualcuno di nome Jamie, che baci uno sconosciuto, che rubi qualcosa e ci sono tanti altri punti che non voglio svelarvi.
In realtà la particolarità degli young adult di Morgan Matson rimane sempre la stessa del primo libro: c’è una storia d’amore, ma non se ne parla minimamente.
Nel libro “Noi due ai confini del mondo” abbiamo un ragazzo e una ragazza che viaggiano in macchina, ma non è quella la cosa fondamentale (niente 50 sfumature di grigio, e neanche qualcosa di più soft, per intenderci), in “Al centro dell’universo” accade lo stesso.
Questo non significa che non ci ritroviamo ad adorare i personaggi.
Emily, in questa estate completamente diversa da quella che aveva immaginato, conoscerà Frank, Collins e Dawn… e poi, cosa succederà?

Adoro questa autrice, non mi stancherò mai di leggere i suoi libri!

Voto: 9 e mezzo

P.S. Se avevate adorato le playlist di “Noi due ai confini del mondo”, potete stare tranquilli! CI SONO PLAYLIST ANCHE QUI!
PLAYLIST! PLAYLIST! PLAYLIST!

 

Noi due ai confini del mondo – Morgan Matson // Recensione

Amy Curry pensa che la sua vita sia uno schifo. Suo padre è recentemente scomparso in un incidente d’auto e sua madre ha deciso di trasferirsi noi-due-ai-confini-del-mondodalla California al Connecticut, proprio durante il suo ultimo anno di scuola, Il viaggio in macchina per raggiungere la cosa opposta degli Stati Uniti è lunghissimo, e con lei ci sarà Roger, figlio di un’amica della madre, che Amy non vede da quando erano bambini. Perciò quando se lo trova di fronte, Amy ha uno strano sussulto, che però è brava a nascondere. La verità è che non è esattamente entusiasta all’idea di attraversare il Paese con qualcuno che non conosce, ma la strada è infinita e bisogna darsi il cambio alla guida.
Il tragitto scrupolosamente programmato da sua madre viene però completamente stravolto, via via che l’iniziale diffidenza tra i due diventa simpatia, e il viaggio si trasforma, ora dopo ora, in qualcosa di diverso, molto speciale e più profondo…


WOW. WOW. WOW. MEEEERAVIGLIOOOOOSO!!!

Una new entry nella mia lista dei libri preferiti, veramente fantastico!
Amy e Roger attraversano l’America, e fino a qui tutto bene, è un romanzo On-the-road. La cosa spettacolare è che entrambi hanno una storia alle spalle e parecchi problemi a raccontarla, soprattutto Amy. Sarà quindi un viaggio non solo alla scoperta di luoghi e posti, ma alla scoperta di loro stessi, e finirà in un modo che quasi ti lascia senza parole e ti fa chiedere “perché?”, “perché questo libro è dovuto finire?”.
La cosa fantastica di questo libro è che all’interno ci sono degli inserti con foto dei posti visitati, scontrini delle tavole calde e dei fast food, descrizioni ed impressioni degli Stati in cui passano ma soprattutto… PLAYLIST!!!
Sia Roger che Amy creano delle Playlist per il viaggio e sono tutte scritte nel libro, leggerlo con quella musica nelle orecchie è un piacere indescrivibile.
Se lo comprate e avete voglia di iniziare questa avventura e avete Spotify scaricato sul vostro Smarphone, scrivete nella barra di ricerca “Amy and Roger’s epic detour” e la Playlist apparirà per voi.
Anche se non volete leggere il libro vi consiglio di sentirla, magari trovate qualche brano che vi piace, mi sono stupita quando li ho trovati io 🙂

Detto questo è veramente un’esperienza che vi consiglio di fare, leggere questo libro. L’autrice alla fine scrive un piccolo capitolo dove racconta perché e come le è venuta l’idea: anche lei ha affrontato il viaggio dalla California al Connecticut, ha documentato tutto con foto e le ha piazzate nelle pagine di ‘Noi due ai confini del mondo’.

AD ASTRA PER ASPERA