Libri e film: L’isola degli sperduti – Melissa de la Cruz

Avete mai avuto un periodo, durante la vostra vita, in cui vi siete sentiti degli eterni Peter Pan? A me capita, a volte, e per sfogare la fanciulla che è in me devo mettermi a leggere storie per bambini.
Certo, “L’isola degli sperduti” è assolutamente una storia per bambini… ma questo non significa che debbano leggerla solo loro!

Avete già visto il film “Descendants”? O magari, avete visto il trailer?
Per chi non lo sapesse, il libro di Melissa de la Cruz di cui sto per parlarvi è il prequel del film Disney.

Scoprite se mi è piaciuto continuando a leggere il post 🙂
w02921

Tanti anni fa i Cattivi disneyani furono banditi dal regno di Auradon e confinati sull’Isola degli Sperduti, un luogo buio e tetro protetto da un incantesimo che impediva loro di scappare. Spogliati dei loro poteri magici, ora vivono in totale isolamento, dimenticati dal mondo. Sull’Isola degli Sperduti nascono i loro figli, i discendenti, e con loro le prime amicizie e rivalità. Potranno i figli dei Cattivi crescere diversi dai loro genitori? I lettori lo scopriranno in questo libro, nato dall’abile penna di Melissa De La Cruz, che ha ispirato il film.


 

Il film “Descendants” era lì, mi chiamava. Però io sapevo che c’era un prequel della storia Disney da qualche parte… e sapevo che si chiamava “L’isola degli sperduti”.
Questo libro, prima di arrivare a casa mia, ne ha passate di tutti colori (ordini su Amazon, pacchi andati perduti prima di arrivare alle poste e settimane di attesa), ma alla fine quando è giunto nelle mie mani ha avuto il destino che meritava.
Non potevo resistere, sapendolo lì ad guardarmi con occhi dolci, dovevo per forza cominciare a divorarlo.
Con una giornata di lettura sono entrata ed uscita dal mondo di Mal, Jay, Evie, Carlos e dell’Isola degli Sperduti.

In questo libro i ragazzi si conoscono, si odiano e si amano, partono insieme per una missione e sono tutti, incondizionatamente, una delusione per i propri genitori.

Ma loro, figli dei cattivi più cattivi di tutti, sono destinati a diventare malefici? O hanno qualcosa di buono, di cui nessuno si accorge?

Sono figli della cattiveria, e come tale sono rinchiusi sotto una cupola che annulla la loro magia. Sono stati giudicati ancor prima di nascere: quello sarà il loro destino.

Intanto ad Auradon il principe Ben, figlio di Belle e della Bestia, si prepara alla sua incoronazione: sta per diventare Re. Come sceglierà di agire? Come si comporterà nei confronti dei cattivi?

Voto libro: 9 (splendidamente pieno di sogni).

La prima azione di Ben come Re di Auradon la scopriamo nel film: quattro figli dei cattivi potranno tornare nel regno e frequentare la scuola.

Dopotutto, sua madre ha dato una seconda chance alla Bestia, e adesso sono sposati… perché lui non dovrebbe dare una possibilità a dei poveri ragazzi?
I cattivi scelti da Ben sono proprio Mal, Jay, Evie e Carlos.
Come affronteranno la novità i quattro? E, soprattutto, approfitteranno della grazia ricevuta da Ben?

Malefica, intanto, ha già un piano per riconquistare il suo potere: sua figlia Mal dovrà rubare la bacchetta della Fata Smemorina.

Vi lascio al trailer del film… Buona visione!

 

 

Il giorno della memoria – Ricordare gli orrori dell’olocausto

Ho sempre amato i libri che parlano delle tragedie dell’olocausto, delle guerre, di eventi storici che hanno particolarmente segnato l’umanità.
Il mio non è un piacere perverso: oltre alle solite storie che mi lasciano spensierata, mi piace leggere di storie vere, accadute, di orrori che si sono compiuti che non devono essere assolutamente ripetuti.

Oggi sono qui per consigliarvi qualche titolo che ho amato in particolar modo per la “realtà” (anche se a volte leggermente romanzata) in cui mi hanno fatta trovare… qualche libro e qualche film in cui fiondarsi, in questa giornata, per ricordare.

12038140_877242929026669_5259000962660166143_n

Avevano spento anche la luna – Ruta Sepetys

Guarda il Booktrailer.


 

liesel

Storia di una ladra di libri – Markus Zusak

Guarda il trailer del film.


 

11219594_896732787077683_9019624873096954170_n

Due madri – Ugo Barbàra

Guarda il Booktrailer.


 

Riassunto-Il-bambino-con-il-pigiama-a-righe

Il bambino con il pigiama a righe – John Boyne

Guarda il trailer del film.


 

ChiaveDiSara_locandina1

La chiave di Sara – Tatiana De Rosnay

Guarda il trailer del film.


 

E per finire le locandine di due film che mi hanno commossa e che sicuramente conoscerete…

La vita è bella

89a5168a9c

 

 

 

 

 

 

 

Il pianista

13_big

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ricordate di non dimenticare mai…

Dai libri ai film: Venuto al mondo – Margaret Mazzantini

547693_4620237145909_1117790443_nQuesto libro, per me, è stato un grande flop.
Mi è stato regalato per il mio compleanno un paio di anni fa, la mia benefattrice ne aveva sentito parlare molto bene e di conseguenza anche io pensavo che fosse un’opera ottima.
Ho letto le prime 150 pagine forse, nemmeno lo ricordo, e poi ho detto basta. L’ho preso, l’ho chiuso, l’ho riposto nella libreria e mi sono andata a vedere il film al cinema.
Il film non è palloso come il libro… e meno male!
Fan della Mazzantini, non fucilatemi. D’altronde, nella recensione di “Il catino di zinco” lo avevo già detto che non andavo per niente d’accordo con questa scrittrice.

Trama:

Una mattina Gemma lascia a terra la sua vita ordinaria e sale su un aereo, trascinandosi dietro un figlio di oggi, Pietro, un ragazzo di sedici anni. Destinazione Sarajevo. Ad attenderla all’aeroporto, Gojko, poeta bosniaco, amico fratello, amore mancato, che ai tempi festosi delle Olimpiadi invernali del 1984 traghettò Gemma verso l’amore della sua vita, Diego, il fotografo di pozzanghere. Il romanzo racconta la storia di questo amore, una storia di ragazzi farneticanti che si rincontrano oggi, giovani sprovveduti, invecchiati in un dopoguerra recente. Una storia d’amore appassionata, imperfetta come gli amori veri. Ma anche la storia di una maternità cercata, negata, risarcita.

Recensione: 

L’ho trovato scritto male, è molto molto pesante, troppo descrittivo in alcuni punti, fa troppi salti dal passato al presente e a volte fai fatica a capire in quale punto del tempo sia collocato ciò che stai leggendo…
Poi dal film ho anche capito che la trama era interessante, perché sostanzialmente è proprio una bella storia, e mi sono davvero dispiaciuta che questo libro sia stato reso, dalla scrittrice, così petulante. Ho ascoltato opinioni in merito anche da chi prima di me lo aveva letto, perché volevo proprio sapere se il problema ero io o se davvero questo libro non si poteva leggere, e mi è stato detto che dopo le prime pagine diventava più interessante. Io ormai ho visto il film, lo dico proprio sinceramente, la storia la so e di andare a ritornare tra quelle pagine non ho proprio voglia.

Al contrario di tutte le cose negative che ho detto fino ad ora, il film è consigliato e vi lascio di seguito il trailer.

Vi lascio con questo consiglio “filmoso” 🙂
Un bacione

Cioccolato & Libri

Dai libri ai film: Meno male che ci sei – Maria Daniela Raineri

2480920Trama: 

Allegra ha diciassette anni e a volte si sente trasparente. I suoi genitori la trascurano, le compagne la escludono e Gabriele, il ragazzo perfetto di cui è innamorata, la tratta come una sorellina minore e sembra più interessato a una “vecchia” universitaria ventenne. Luisa ha trentacinque anni. Lavora in banca, è single ed è tormentata da un mutuo trentennale e da una relazione sbagliatissima con un uomo sposato. Allegra e Luisa non si conoscono, ma lo stesso incidente cambia la vita di entrambe. Allegra rimane orfana e Luisa perde l’uomo che ama, il padre di Allegra. Dopo la tragedia le due si incontrano per la prima volta, diventano amiche, si aiutano ad andare avanti. Luisa si mette alla prova come mamma/sorella maggiore e Allegra ha la sensazione di far di nuovo parte di una famiglia. Con il tempo, le cose iniziano ad andare bene. Allegra riesce a conquistare il suo Gabriele e anche Luisa si lascia sedurre da Giovanni, fascinoso “ragazzo” di quarant’anni. Quando la relazione tra Luisa e Giovanni inizia a farsi seria, Allegra, terrorizzata dall’idea di restare sola un’altra volta, entra in crisi. In una corsa in discesa, fatta di assurde gelosie e scelte sbagliate, Allegra allontana da sé tutte le persone che ama. Ma per fortuna le amiche vere restano e, dopo un periodo buio, Allegra e Luisa si ritrovano. Cambiate, ferite, ma ancora capaci di essere amiche e finalmente pronte (tutte e due!) a diventare grandi per davvero.

Trailer film:

Ho completamente amato il rapporto tra Luisa e Allegra, in egual modo in libro e film.

Voto libro: 8 e mezzo
Voto film: 8