Recensione: Mai più così vicina – Claudia Serrano

Buongiorno readers,
vi lascio oggi la recensione di un altro tascabile Giunti uscito da poco al prezzo di 6,90€: “Mai più così vicina” di Claudia Serrano.
51pa3dqymml-_sx324_bo1204203200_

Trama

Ogni donna sa che cosa significa incontrare il grande amore. E ogni donna sa bene che cosa significa perderlo. Con una scrittura poetica, coinvolgente, emozionante, “Mai più così vicina” racconta il disperato tentativo di non mandare in pezzi il sogno più grande e più bello della vita.

Da un’assolata città del Sud, Antonia, una ragazza che mette i tacchi anche per fare la spesa, arriva a Milano accarezzando il sogno di scrivere un romanzo che ha in mente da tempo. L’ impatto con la città e con il suo cielo senza colore non è dei più incoraggianti, finché un’amica non la trascina a una conferenza letteraria e in poche ore tutto quello che Antonia ha pensato non conta più. Milano le regala Vittorio, un uomo molto diverso da lei: Vittorio è un editore, appartiene ai ceti alti, è disinvolto, ha due occhi magnetici e quell’aria libera e sfrontata di chi non scende a compromessi. E soprattutto ha una vita sociale che intimidisce Antonia, ma nel contempo la affascina. Il bicchiere e la sigaretta sempre in mano, chiacchiere fino all’alba di cinema e libri con amici impegnati, romantiche gite in moto lungo i tornanti mozzafiato della Liguria. Antonia si innamora follemente di lui, ma qualcosa non funziona. Vittorio è sfuggente, sparisce, riappare, si sottrae, non programma e non promette. E proprio come la ragazzina down protagonista del suo romanzo, Antonia è costretta a misurarsi con i suoi limiti e le sue paure.

Perché è così difficile vedere la realtà quando ci si innamora?
Un romanzo forte, coinvolgente, emozionante.
Una scrittura poetica, piena e intensa, per un esordio folgorante.


Recensione

Questo libro mi ha lasciata un po’ perplessa. All’inizio, nelle prime pagine, mi sono trovata a pensare che era proprio un bel libro: scritto bene, con frasi da sottolineare e tenere da parte per poterle rileggere tutte le volte che lo si desidera e con bei personaggi. Mi sembrava un libro scritto secondo quel modello tipico di alcuni scrittori italiani: profondo, con discorsi spontanei e non costruiti, con descrizioni delle nostre città che nessun altro può fare così bene, se non un italiano.
Dopo un po’, però, andando avanti mi sono accorta che il libro diventava ripetitivo in certe azioni e pensieri. I personaggi che mi erano tanto piaciuti continuavano ad essere di mio gradimento, ma la trama perdeva ciò che all’inizio mi faceva continuare a leggere. Dopo un po’ ti accorgi che in realtà “non succede niente di particolarmente interessante” e che stai leggendo di una storia d’amore, di dieci giorni di impasto, di un romanzo che sta scrivendo la protagonista principale e di continui tira e molla psicologici. Lui, Vittorio, non è bipolare come può sembrare, mette subito le cose in chiaro anche se Antonia non se ne accorge. Quest’ultima si ostina a combattere per qualcosa che non esiste e nonostante qualcuno glielo faccia notare, va avanti per la sua strada con gli amati prosciutti sugli occhi.
Ho iniziato la storia pensando che fosse proprio bella, che forse sarebbe entrata in una di quelle che mi porto dentro per un po’… invece poi tutto è sfumato e mi sono ritrovata solo la delusione.

Non lo vedo un libro adatto all’estate – lo avevo già detto per l’altro tascabile che ho recensito – essendo una storia cupa, triste, profonda e secondo me molto invernale. Magari però c’è chi apprezza le storie così nei mesi estivi, quindi prendete le mie parole con le pinze.

Voto: 7 e mezzo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...